Verso Sarajevo

Verso Snagov
gennaio 10, 2014
New York City, ma davvero li volete i “consigli per l’uso”?
gennaio 19, 2014
Show all

Verso Sarajevo

Complice un pacchetto di miglia Miles and More in scadenza accumulate grazie agli intercontinentali Lufthansa, un lungo weekend libero di inizio febbraio ed una sfrenata passione per i luoghi del mondo che trasudano di storia nel giro di poche settimane mi ritroverò a Sarajevo, per un intenso fine settimana all’insegna della scoperta e dell’emozione.

Sarajevo

Non ci sono ancora compagnie aeree che effettuano dall’Italia voli diretti sulla capitale della Bosnia-Erzegovina, dovrò scalare sia all’andata che al ritorno tra Germania e Austria con lunghe attese. Poco male, un volo in più non fa differenza, l’importante é raggiungere la meta.

La città, così come tutta la nazione, si sta lentamente aprendo all’Europa ed al turismo, é il segno dei tempi che mutano, del desiderio di guardare avanti, quel benedetto desiderio di normalità che ho visto tante volte negli occhi delle persone dei paesi sopravvissuti a decenni di terribili dittature e violenze etniche.

Una città abitata sin dall’antichità, ebbene si le legioni romane arrivarono anche qui e poi i Turchi che ne fecero un tappa obbligata, una sorta di “porto franco” nel lungo percorso della Via della Seta.

Proprio intorno al 1530 il governatore ottomano Gazi-Husrevbey fece costruire nuove Moschee e lo splendido Bazar oggi ancora in attività, ed un numero indefinito di edifici in tipico stile islamico.

Poi fu la volta degli austriaci che, una volta invasa l’intera area, accrebbero la bellezza della città grazie all’edificazione di nuove costruzioni in stile asburgico, ferrovie ed un ingegnoso ed innovativo sistema di illuminazione pubblica da far invidia alle altre capitali europee.

Veduta di Sarajevo, scorcio sul ponte dell'assassinio dell'Arciduca Francesco Ferdinando

E poi venne il periodo buio, la scintilla della Prima Guerra Mondiale scoppiò proprio qui con l’assassinio dell’Arciduca Francesco Ferdinando e di sua moglie Sofia, una pesante eredità che si unì all’annessione alla Jugoslavia, all’invasione nazista, alla Seconda Guerra Mondiale, alla dittatura comunista di Tito ed infine, ricordo recente e ancora troppo doloroso, all’Assedio di Sarajevo ad opera delle truppe serbo-bosniache.

Il solerte Ufficio del Turismo della città, contattato qualche giorno fa via email, mi ha indicato tutte le escursioni ed i percorsi “attivi”, offrendosi gentilmente di mostrarmi i luoghi simbolo della storia della capitale, perchè qui c’é davvero tanto da vedere, da ascoltare, da imparare.

Pronta, si va!

 

7 Comments

  1. Lucia - Respirare con la Pancia ha detto:

    Grande Simo!!! 😉 Non so se siano stati i #TravelDreams2014 ma su una cosa non bisogna dubitare… sognare fa sempre bene! 😀

  2. Alla ricerca di Shambala ha detto:

    meta intessantissima, aspettiamo tuoi post cara 🙂
    e speriamo che i Traveldreams2014 portino un pizzico di fortuna a tutti

  3. viaggiebaci ha detto:

    Invidia, invidia, invidia … 😉
    Come sai Sarajevo è anche nei miei #traveldreams2014, quindi ti seguirò con piacere

    PS: non è ancora ufficile, ma forse a marzo – complice la prima gara di karate del mio piccolo agonisa – si realizzerà uno dei miei sogni, contenuto con Sarajevo al numero 5 … chissà!
    Per il momento, acqua in bocca 🙂

  4. Chiara - Blondie81 ha detto:

    ma sai che da Orio al Serio l’anno scorso c’era una compagnai che effettuava voli diretti? non so se sia ancora attiva…e cmq i voli costavano molto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti