• Home
  • /
  • New York
  • /
  • New York, 5 luoghi (e percorsi) decisamente inusuali

New York, 5 luoghi (e percorsi) decisamente inusuali

In Inglese

Un labirinto di strade, odori, accenti, suoni, un cappello magico dal quale a turno saltano fuori personaggi, storie, luoghi, percorsi dei quali ignoravi l’esistenza.

Non credo esista una guida talmente completa da includere realmente tutto quello che questa città é in grado di offrire.

Così ogni volta, merito di una curiosità innata e delle dritte di qualche amico newyorkese, é una nuova scoperta… un museo particolare, un invitante mix di sapori, un edificio storico, una passeggiata inusuale, un nuovo punto d’osservazione sulla città.

Se state organizzando un viaggio nella Grande Mela o semplicemente pensate di ritornarci (perchè diciamocelo sembra che una volta non sia mai abbastanza) ecco una piccola guida a 5 percorsi, decisamente inusuali.

 Il Green Wood Cemetery

Duecento ettari di verde, sentieri e laghi  (con tanto di imbarcazioni per raggiungere più facilmente i sacrari sulla sponde opposte) che si sviluppano intorno alla collina che degrada verso Brooklyn. Un oasi di pace da cui si gode salendo verso l’alto di una bellissima vista (soprattutto in inverno quando la fioritura degli alberi non ne ostacola la visuale) su Brooklyn, sulla Statua della Libertà e su Lower Manhattan.

Un luogo di notevole importanza storica tanto per i personaggi famosi che qui riposano ( l’inventore Samuel Morse, il graffitista Jean M. Basquiat, il compositore Leonard Bernestein, solo per citarne alcuni…) quanto per il sito di Battle Hill, il punto più alto e panoramico, in cui fu combattuta nel 1776 la Battaglia di Brooklyn durante la Guerra d’Indipendenza dagli Inglesi, molti dei caduti riposano proprio attorno al monumento che ne onora il sacrificio.

All’ingresso del parco i custodi, in genere molto disponibili, distribuiscono informazioni e cartine gratuite con i sentieri da seguire e le indicazioni per raggiungere le tombe dei personaggi famosi. Per chi fosse interessato ad approfondire la visita o per gli appassionati di storia, ogni mercoledì e sabato alle 13 (controllate sempre prima sul sito per eventuali cambiamenti d’orario e per prenotare qualche visita speciale) partono dei tours guidati (15 $ a persona) di due ore circa che a cominciare da Battle Hill attraversano le varie fasi storiche del sito con tanto di aneddoti, curiosità e racconti (più o meno inquietanti) sui personaggi famosi sepolti.

Per arrivare al Green Wood Cemetery (aperto tutti i giorni dalle 8.00 alle 17.00) basta raggiungere la fermata della metro di Brooklyn 25th street, l’ingresso, ben visibile, é a poche centinaia di metri.

Green Wood CemeteryBattle HillUno dei laghi del Green Wood CemeteryVista su Lower Manhattan

City Reliquary Museum

Più che un museo una raccolta originale e curiosa di tutto il vintage inerente la città di New York.

Nato circa dodici anni anni fà nel luogo in cui prima sorgeva una vecchia vineria, dall’idea di due singolari personaggi (parlare con loro può rivelarsi un’esperienza davvero unica e per certi versi divertente) questo luogo conserva la più grande collezione di oggetti legati al mito di NYC.

Vecchi cartelli stradali, insegne dei negozi, “pezzi” (realmente parti recuperate) della metro, wc anni’50, Statue della Libertà in tutte le forme e dimensioni, vecchie bottiglie di seltz, gettoni della metro, foto e giornali d’epoca ed un numero imprecisato di cianfrusaglie tra cui curiosare… un paradiso per gli amanti del genere.

C’é anche una sorta di gift shop dove acquistare storiche cartoline ricordo e dolci tipici, per questi ultimi pero’ non garantisco!!

Il City Reliquary si trova a Williamsburg a nord di Brooklyn, in prossimità della fermata della metro Metropolitane Ave, é aperto dal mercoledì alla domenica dalle 12 alle 16, l’ingresso é libero ma é più che gradita un’offerta (vi diranno dai 5 ai 10 $, ma credo che 2/3 $ vadano più che bene).

All'interno del City ReliquaryIll Vintage del City reliquary

Williamsburg Bridge

Il “parente povero” del Brooklyn Bridge é in realtà un’imponente struttura d’acciaio risalente al 1903, che collega l’ex quartiere industriale di Williamsburg, oggi emergente zona trendy, a Manhattan.

Perchè attraversarlo??

Perchè offre una diversa visuale su Manhattan, perchè permette di ammirare i graffiti sulle pareti degli edifici di Williamsbourg, perchè essendoci meno ciclisti e soprattutto meno turisti rispetto al Brooklyn Bridge consente di godersi meglio il tragitto e di fare tutte le foto che si desiderano senza ressa, perchè sbuca nel Lower East Side, altro quartiere tutto da esplorare poco distante dal mitico ristorante Kat’z Delicatessen (avete presente la scena clou di Harry ti presento Sally?) dove si serve il pastrami sandwich più buono della cità, provare per credere.

Il ponte é ad uso e consumo degli studenti universitari che vivono a Williamsburg (i prezzi delle case sono decisamente più bassi qui) ed in bici raggiungono in breve tempo i college di Manhattan.

Il passaggio pedonale é completamente ricoperto di disegni e graffiti che lo rendono un’icona della street art newyorkese.

Williamsburg Bridge

Vista dal Williamsburg BridgeVeduta dal Williamsburg Bridge

Merchant’s House Museum

Immaginate di camminare per l’East Village tra negozi, belle case in pietra, edifici moderni e locali alla moda e di imbattervi all’improvviso in una vecchia abitazione in mattoni rossi sbiaditi dal tempo che sembra come per magia sbucata dall’Età dell’Innocenza (ricordate il famoso libro/film??).

La Merchant’s House Museum é l’unico esempio perfettamente conservato di una casa della medio/alta borghesia newyorkese dell’800.

Qui tutto dal mobilio, agli oggetti di uso domestico, a quelli personali, ai vestiti, ai decori, alle camere della servitù, éassolutamente originale. E’ come entrare in una macchina del tempo…

Costruita nel 1832 la dimora é stata abitata ininterrottamente fino al 1933 anno in cui morì l’ultimo membro della famiglia Tredwell. Appena tre anni dopo, nel 1936 é stata aperta al pubblico come museo e da allora non é stata più “toccata”.

La visita (10 $ a persona, c’é anche un depliant esplicativo in lingua italiana) permettere di visionare l’intera struttura, dal vecchio ingresso ormai alcuni metri sotto l’attuale livello stradale, al bellissimo giardino interno, fino alla “scricchiolante” (ed inquietante) soffitta.

La Merchant’s House Museum é aperta il lunedì e dal giovedì alla domenica dalle 12.00 alle 17.00, il martedì ed il mercoledì invece sono riservati alle visite guidate.

Il Merchant's House Museum

La teleferica per Roosevelt Island

Esiste un modo sorprendentemente economico per sorvolare letteralmente un tratto di Manhattan e godere di una panorama davvero spettacolare.

Basta raggiungere l’incrocio tra la 60th street e la Second Ave e salire sulla teleferica (é sufficiente utilizzare la metrocard o acquistare un biglietto di 2,50 $ a tratta) che ogni 10 minuti parte per Roosevelt Island.

Il tragitto é breve ma davvero emozionante, specie se trovate posto davanti alle vetrate anteriori della cabina.

Il consiglio é di prenderla poco prima del tramonto per assistere al calar del sole dietro i grattacieli di Manhattan direttamente dalla Roosevelt Island, un’isola (ex colonia penale, oggi quartiere residenziale e di svago) nel bel mezzo dell’East River, un’altra oasi di pace e di relax in cui passeggiare o semplicemente godersi il passaggio delle chiatte e dei traghetti turistici seduti su una panchina sul lungofiume.

Il rientro in Teleferica verso ManhattanTramonto da Roosevelt IslandL'East River visto da Roosevelt Island

 Enjoy New York City…

16 Comments

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti