Lungo il Mississippi, il grande fiume d’America

Cosa vedere a Springfield, Illinois: la città di Abraham Lincoln e della Route 66
ottobre 10, 2013
St.Louis, la mia prima partita di Baseball
ottobre 12, 2013
Show all

Lungo il Mississippi, il grande fiume d’America

Questa volta il mio viaggio comincia proprio da qui.. dal Mississippi, il grande fiume d’America.

Il battello a vapore

Atterrando a St. Louis, in Missouri, lo riconosco subito, una grande lingua d’acqua, appena congiuntasi a nord col suo più grande affluente, il Missouri, che scende apparentemente lenta e silenziosa verso sud tagliando come una linea di confine immaginaria tra l’est e l’ovest in due gli States.

Il Mississippi... atterrando St. Louis

A St. Louis il fiume scorre sotto il Gateway Arch, il grande arco d’argento che celebra il suo ruolo di porta dell’ovest, passando accanto a grandi fabbriche fumanti, sotto moderni ponti d’acciaio, tra grosse chiatte per il trasporto dei materiali.

Per vedere la parte più autentica del Mississippi, quella in cui il fiume completamente avvolto dalla vegetazione lussureggiante scivola lento accanto a piccole e tipiche cittadine fluviali, bisogna spingersi un  centinaio di chilometri più a nord verso Hannibal, un piccolo ed antico centro abitato, che sicuramente ha vissuto tempi migliori, conosciuto soprattutto qui in America per essere il paese in cui ha vissuto buona parte della sua adolescenza Mark Twain.

Il grande fiume d'America...

Vecchie casette in legno, marciapiedi in mattoncini rossi, strade sterrate, qualche tavola calda e molti negozietti d’antiquariato.

L’alto argine necessario alla sopravvivenza del piccolo centro durante le piene tradisce la presenza del fiume, superata la collinetta, infatti, il Mississippi é lì, in tutto il suo splendore, grande e silenzioso (un silenzio interrotto solo dal passaggio dei treni merci che lo costeggiano), immerso nella natura circostante alla quale é strettamente legato.

On Mississippi river...

Scivola lento verso sud col suo carico di storia ed emozioni forti, impossibile resistere alla tentazione di salire sul vecchio battello a vapore che ogni giorno permette, a chi lo desidera, di scoprire le zone del fiume meno battute.

9 Comments

  1. Anonimo ha detto:

    Simona sei sempre forte da Lucia e Mario, un bacione da Firenze

  2. […] Fiume Mississippi presenta una lunghezza di oltre tremilasettecento chilometri ma, unito al Missouri –uno dei suoi […]

  3. Ilaria ha detto:

    Ciao Simona, ti seguo volentierissimo, anche perchè sono una” U.S.A.dipendente” e vedo che sei preparata in materia.
    Avrei un consiglio da chiederti, siccome sto progettando un itinerario lungo il grande fiume, volevo sapere dove mi consigli di fermarmi come tappa intermedia tra Memphis e New Orleans, visto che sono 5h e 30, e avendo due bambini volevo fare tappa un pò piu brevi. C’è qualche perla nascosta, lungo il fiume che merita una visita?
    Grazie mille,
    ti auguro una buona giornata
    Ilaria

    • Simona Sacri ha detto:

      Ciao Ilaria, di perle ce ne son diverse.
      Oxford e Tupelo (dove è nato Elvis), e poi Clarksdale, il luogo in cui è nato il blues, ed ancora Natchetz e Baton Rouge, nei dintorni ci sono delle piantagioni originali bellissime.
      Io sono in partenza per quelle zone, seguimi sulla pagina fb per gli spunti 😉

  4. Ilaria ha detto:

    Grazie Simoo!1
    ti seguo già su FB, da un pò!
    Avevo visto Greenville o Vicksburg, ci sei passata?

  5. Ilaria ha detto:

    Perfetto, allora resto in stand-by!
    Cercavo qualcosa infatti che si affacciasse proprio sul Mississippi, qualcosa di veramente affascinante…
    Buon viaggio!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti