Paese che vai, Starbucks Coffee che trovi

Il viaggiatore saggio
ottobre 18, 2012
National September 11 Memorial Museum
New York, 9/11 Memorial, “We Will Never Forget”
ottobre 20, 2012
Show all

Paese che vai, Starbucks Coffee che trovi

Un espresso macchiato allo Starbucks Coffee.

Una vera fortuna per noi italiani all’estero, desiderosi della nostra abbondante, almeno nel mio caso, dose di caffeina quotidiana.

Starbuck coffee Praha

Una famosa e fortunatissima catena di caffetterie nata per caso a Seattle negli anni ’70, con l’intento di offrire (o ameno di provarci) ai clienti  l’autentico italian coffee.

Sembra infatti che Howard Shults, il fondatore di Starbucks, abbia preso questa decisione proprio dopo aver gustato un buonissimo caffè a Milano. Da qui l’idea di provare a riproporlo nella versione classica espresso solo ed in quelle un pò più allungate e pastrocchiate tanto care al discutibile palato americano.

Gli Starbucks Coffee nel mondo sono diventati un vero e proprio luogo di ritrovo per i giovani, ci si può sedere a chiacchierare bevendo un buon cappuccino maxi, la schiuma di latte é fantastica, magari accompagnato da un delizioso muffin al doppio cioccolato.

Si può lavorare al pc grazie ad una velocissima connessione wi-fi gratuita, ascoltare buona musica o semplicemente fare una piccola e veloce pausa caffe, portandosi dietro il famoso bicchierone di carta con il logo della Sirena a due code, in modo da poter bere con calma per strada, in metro o al lavoro.

Starbucks coffee San Diego

Starbucks in Dublin...

La catena Starbucks si é ormai diffusa in tutto il mondo, ad oggi si contano più di ventimila punti vendita in una sessantina di paesi, eccezion fatta per l’Italia.

Eh si, pare proprio che un sondaggio fatto dall’azienda nel 2010, per testare l’eventualità di aprire qualche punto vendita nel nostro paese, abbia decisamente scartato questa possibilità.

Il “bel paese”infatti é gia pieno di bar e caffetterie con annesse pasticcerie dalla qualità eccelsa – ok non serviva certo un sondaggio per scoprirlo – ed inoltre dalle varie interviste effettuate é emerso che gli italiani mal volentieri andrebbero in giro con un bicchierone di carta bevendo per strada.

Perspicaci!

Seattle, il primo Starbucks della storia...

Per quel che mi riguarda, va benissimo così.

Gli Starbucks Coffee accompagnano da anni i miei viaggi, regalandomi una piacevole pausa, un gustoso muffin ai mirtilli (senza contare poi il favoloso pumpkin muffin nel periodo di Halloween) e un – quasi sempre – buon caffè  in giro per il mondo.

 

2 Comments

  1. Antonella ha detto:

    Condivido! Adoro l’atmosfera degli starbucks, e poi trovo la maggior parte dei loro prodotti veramente buoni!:)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti