• Home
  • /
  • Alaska
  • /
  • Come organizzare un viaggio in Alaska: tutto quello che serve sapere per scegliere e pianificare un itinerario nella “Last Frontier”

Come organizzare un viaggio in Alaska: tutto quello che serve sapere per scegliere e pianificare un itinerario nella “Last Frontier”

In Inglese

“Come organizzare un viaggio in Alaska e – soprattutto – da dove iniziare?

In che modo riuscire a scegliere e pianificare un itinerario il più completo e sicuro possibile?

Quanti giorni e che budget preventivare?

Il periodo migliore per andare? Come spostarsi?”

Sono solo alcune delle domande che mi sono state fatte sui social e via mail durante e dopo il mio recente viaggio in Alaska.

Così ho pensato prima ancora di scrivere l’itinerario completo – forte non solo della mia esperienza sul campo dopo 17 giorni di viaggio ma anche di un lungo e dettagliato studio a priori – di rispondere a tutti i quesiti suddividendoli per argomenti, di modo da poter essere realmente utile e d’aiuto a chi desidera esplorare e scoprire a fondo questo sorprendente ed affascinante stato (il 49° per l’esattezza) USA.

Come organizzare un viaggio in Alaska: al confine tra Yukon, Canada e Alaska

Come organizzare un viaggio in Alaska: perchè scegliere di visitare The Last Frontier?

 “Per l’amante della natura selvaggia, l’Alaska è uno dei più bei paesi al mondo.”
(John Muir)

Perchè scegliere proprio l’Alaska?

Sicuramente per la natura, incontaminata e selvaggia più che in qualsiasi altro stato USA.

Per una tra le faune più ricche e variegate del paese (tra cui ben tre specie di orsi, alci americane, caribou, montoni, aquile alaskane, volpi rosse, castori argentati, etc..), per gli spazi sconfinati, per le Northern Lights, per i ghiacciai millenari, per i picchi montuosi più alti ed affascinanti e di conseguenza per il notevole numero di sentieri alpinistici e da trekking.

Come organizzare un viaggio in Alaska: Denali National Park

Come organizzare un viaggio in Alaska: Hoonah Inside Passage

Per la navigazione tra le insenature mozzafiato dell’Inside Passage, l’esplorazione dei più autentici villaggi delle popolazioni Alaskan Athabascan – tra i gruppi di nativi americani più antichi del continente – e per una serie di motivazioni storiche e letterarie che vanno dalla Corsa all’Oro del Klondike al mitico Passaggio nello Yukon, dalle miniere d’oro alle meravigliose pagine di appunti di esploratori come John Muir e John Burroughs fino ad arrivare a Jack London, ai suoi Zanna Bianca, Il Richiamo della Foresta, ed a tutta una serie di scrittori moderni ispirati nel corso del tempo dalle Terre Selvagge del grande Nord.

C’è poi chi sceglie l’Alaska per inseguire il “mito” – positivo o negativo, ognuno ha la sua idea a riguardo – di Into the Wild e di Chris McCandless.

Sappiate che gli Alaskani non amano molto né il libro, né il film, né il dover sempre più spesso esser costretti a “recuperare” quei viaggiatori improvvisati, il più delle volte del tutto impreparati alle condizioni impervie del territorio, arrivati fin qui solo per seguire l’itinerario di Christian e raggiungere il famigerato Magic Bus in cui morì dopo 112 giorni di isolamento nella zona più estrema del Denali National Park.

Come organizzare un viaggio in Alaska: passaggio nello Yukon

Come organizzare un viaggio in Alaska: College Fjiord

Una, dieci, cento motivazioni differenti per scegliere di vivere questa indimenticabile esperienza e recuperare maggiori informazioni possibili su come organizzare un viaggio in Alaska.

Non importa quale sia la vostra, ciò che conta è prepararsi per bene, e per tempo, ad un viaggio che non può assolutamente essere improvvisato e che sarà probabilmente uno dei più intensi ed emozionanti della vostra vita.

Come organizzare un viaggio in Alaska: Inside Passage

Come organizzare un viaggio in Alaska: quando andare

Il periodo migliore per visitare l’Alaska va dalla metà di maggio alla metà di settembre.

Per il resto dell’anno una consistente porzione di territorio – tra cui l’Inside Passage, il Bush, la parte più interna di Denali, le Isole Aleutine ed alcune aree della Kenai Penisnula. – diventa praticamente inaccessibile causa freddo, neve e ghiaccio, e rimangono quindi raggiungibili esclusivamente le zone meno impervie.

I mesi clou, quelli che hanno una maggiore affluenza a livello turistico, sono luglio ed agosto. Data l’alta stagionalità viaggiare in questo periodo può essere sicuramente più dispendioso a livello di alloggi e noleggio auto ed inoltre bisogna fare i conti con zanzare e mosquitos che – ahimè – in questo particolare periodo dell’anno sono presenti i gran quantità anche in Alaska.

Per questioni organizzative personali ho dovuto programmare il mio viaggio in settembre e devo riconoscere che è stata una scelta vincente per una serie di motivazioni.

Come organizzare un viaggio in Alaska: Foliage nel Denali National Park

Innanzitutto la minore affluenza turistica e di conseguenza una lieve flessione nella spesa complessiva del viaggio, la possibilità di vivere l’Alaska in una delle sue stagioni più suggestive, l‘autunno, godendo di un foliage che non ha nulla da invidiare a quello del New England e la fortuna di poter assistere – a me è capitato più volte nello stesso viaggio, sia a Denali che al Circolo Polare Artico nei pressi dello Yukon River – allo spettacolo delle Northern Lights, l’Aurora Boreale alaskana, che qui inizia a mostrarsi a partire dalla fine di agosto.

Nel caso prendiate in considerazione per il vostro viaggio il mese di settembre ricordate tuttavia che in molte zone – Denali e zone limitrofe, Inside Passage, Kenai Penisnula, Bush – la stagione turistica per molte strutture termina drasticamente il 15 settembre. Si riduce così notevolmente la scelta di alloggi per la restante parte del mese, nonostante il clima possa essere ancora clemente e favorevole.

Come organizzare un viaggio in Alaska: Yukon River

Come organizzare un viaggio in Alaska: Inside Passage, Icy Strait Point

Come organizzare un viaggio in Alaska: accoglienza

Gli alaskani sono di natura un popolo accogliente, tuttavia come capita spesso per le comunità che si sviluppano in ambienti estremi, ai confini del mondo, vivono in base ai loro tempi ed alle loro esigenze e non permettono in alcun modo che queste loro abitudini vengano modificate, men che meno dalla presenza di viaggiatori/turisti.

Poche regole per evitare spiacevoli situazioni e risposte.

Siate rispettosi delle persone e del territorio, non aspettatevi un servizio celere – take it easy, mi hanno ripetuto in più occasioni – nelle strutture alberghiere, nei negozi, nei ristoranti o nella semplice richiesta di consigli ed informazioni, chiedete sempre il permesso prima di scattare foto a persone, soprattutto nelle comunità di Nativi Americani.

Come organizzare un viaggio in Alaska: incontro con i nativi americani Tinglit

Come organizzare un viaggio in Alaska: sicurezza e percorribilità

Per la posizione geografica “estrema” e per la notevole presenza di animali, non solo nei parchi ma anche lungo le strade e nei centri abitati, è opportuno prestare sempre molta attenzione alla propria sicurezza personale.

Non avventuratevi su sentieri che non conoscete senza aver prima consultato i ranger e senza il giusto equipaggiamento, campeggiate solo nelle aree designate a farlo, laddove è consigliato affidatevi solo a guide esperte e non muovetevi in auto in fai da te nelle zone più estreme.

Vi porto l’esempio della bellissima Dalton Hwy, la suggestiva strada che attraverso il passaggio del Circolo Polare Artico collega il Mare Artico con Fairbanks.

Come organizzare un viaggio in Alaska: Dalton Hwy

Come organizzare un viaggio in Alaska: Dalton Hwy

E’ – per me a ragione, specie dopo averla percorsa in alcune sue parti – considerata tra le 10 strade più pericolose al mondo. In tanti si avventurano e sono costretti a chiedere aiuto o rientrare dopo qualche centinaio di km a causa degli sterrati, dei dossi, delle curve a picco sul nulla, degli animali che attraversano la strada all’improvviso e della scarsa presenza di distributori e campo telefonico lungo il tragitto.

Il consiglio più importante: non dimenticate mai di controllare le condizioni meteo prima di un’escursione, il tempo in Alaska muta improvvisamente e una splendida giornata di sole può trasformarsi velocemente nella tempesta perfetta.

Come organizzare un viaggio in Alaska: Dalton Hwy, Trans Alaska Pipeline

Come organizzare un viaggio in Alaska: cosa vedere ed in quanti giorni

L’Alaska è immensa.

Non è solo il più grande stato USA, il suo territorio è grande quasi un terzo dell’estensione degli altri 48 stati continentali.

E soprattutto a seconda delle regioni che si visitano cambia notevolmente offrendo paesaggi variegati ed estremamente differenti. Di solito il circuito turistico si concentra sul tratto Anchorage (incluso Turnagain Arm e Mat Su)-Denali-Fairbanks tralasciando completamente aree a mio parere altrettanto belle e suggestive.

So bene che il tempo di permanenza e la spesa in Alaska possono fare la differenza, l’ideale sarebbe programmare un itinerario più articolato a lunga distanza, di modo da avere a disposizione più risorse e disponibilità e risparmiare laddove possibile muovendosi in anticipo con la ricerca dei voli e le prenotazioni.

Il mio consiglio è di ipotizzare un viaggio che non vada sotto i 12/14 giorni (prefetto intorno ai 19/20 gg) e che soprattutto includa l’Inside Passage – a mio parere la parte più bella – possibilmente una porzione della Kenai Peninsula e la Dalton Hwy, almeno fino al Circolo Polare Artico.

Come organizzare un viaggio in Alaska: mappe a confronto

Come organizzare un viaggio in Alaska: il mio itinerario

Il mio itinerario di 16 giorni è stato sviluppato nel corso di 12 mesi, dopo aver letto libri, svariate guide turistiche e, soprattutto, esperienze dirette di viaggiatori internazionali.

L’ho suddiviso così:

  • Imbarco da Vancouver per l’Inside Passage
  • Crociera di 7 gg – soste (a cui ho aggiunto delle escursioni private) a Icy Strait Point, Junaeu, Haines, Skagway e passaggio nelle terre selvagge dello Yukon attraverso il White Pass.
  • Navigazione nel Glacier Bay NP e nel College Fjiord, i parchi con i ghiacciai più spettacolari della nazione
  • Passaggio da Whittier a Denali (con sosta a Talkeetna) in treno panoramico, McKinley Explorer dell’Alaska Railroad
  • Denali NP (2 gg), Nenena e arrivo a Fairbanks
  • Dalton Hwy, Yukon River, Circolo Polare Artico (con driver/guida locale)
  • Volo da Fairbanks ad Anchorage (per ottimizzare i tempi, i voli interni solitamente sono molto convenienti)
  • Noleggio auto ed esplorazione (2 gg e mezzo) di una parte della Kenai Peninsula e della Mat Su Valley

Come organizzare un viaggio in Alaska: Skagway

Come organizzare un viaggio in Alaska: Circolo Polare Artico

Come organizzare un viaggio in Alaska: Seward, Kenai Peninsula

Come organizzare un viaggio in Alaska: on the road

Come organizzare un viaggio in Alaska: come muoversi? Auto, treno, nave…

Tutti!

L’auto è il mezzo di trasporto ideale per esplorare in totale autonomia la Kenai Peninsula ed effettuare il tragitto Anchorage-Denali-Fairbanks. I costi di noleggio in Alaska sono più alti rispetto agli altri stati USA per una serie di motivazioni che spiegherò nel paragrafo successivo. Io ho sempre noleggiato con Alamo Rent a Car risparmiando un bel pò grazie al mio link  – lo trovate qui – che offre il 20% di sconto.

Il treno, consigliatissimo per effettuare il percorso panoramico da Whittier (se arrivate via mare), da Seward (se volete effettuare il percorso a partire dalla Kenai Peninsula) o Anchorage verso Denali NP e Fairbanks.

Il McKinley Express arriva a Talkeetna nelle vicinanze del Denali NP, mentre l’Explorer arriva fino a Fairbanks con una serie di fermate lungo percorso tra cui Talkeetna e Denali NP. Si tratta di treni efficientissimi con vagoni semi trasparenti che offrono una visuale spettacolare sul percorso.

Potete prenotare la tratta che preferite sul sito ufficiale dell’Alaska Railroad.

Come organizzare un viaggio in Alaska: McKinley Explorer

E la nave?

Se volete esplorare l’Inside Passage avete solo tre possibilità, spostarvi in Seaplane (il che equivale a prenotare almeno 4/5 voli), utilizzare i traghetti di linea, che hanno orari scomodi e non arrivano ovunque, o effettuare una crociera di 5/7 gg che da Vancouver, uno degli accessi canadesi all’Alaska, vi permetterà di attraversare tutto lo stretto e le insenature attraverso la meravigliosa Alaska Marine Highway, l’unica Hwy marittima degli USA che attraversa in 1667  km tutto l’inside Passage. Ho optato per la crociera per poterlo percorrere tutto e fermarmi nei vari insediamenti di nativi e locali lungo i canali.

Avevo letto cose meravigliose su questo lembo di terra alaskana sospeso tra Canada e Oceano Pacifico del Nord ma ero perplessa sulla scelta della crociera e della nave, considerato che non amo particolarmente la vita di bordo ed i tempi “morti” che comporta. Dopo un’attenta selezione ho deciso per una compagnia alaskana molto forte sul territorio – la Princess – che lavora esclusivamente con guide e nativi locali sostenendo le loro comunità e che organizza durante la navigazione una serie di incontri con ranger e studiosi dell’Inside Passage.

E’ stata la scelta migliore che potessi fare, in base alla mia esperienza l’Inside Passage vale da solo il viaggio in Alaska.

Come organizzare un viaggio in Alaska: Glacier Bay National Park

Come organizzare un viaggio in Alaska: Glacier Bay National Park

Come organizzare un viaggio in Alaska: budget e costi

L’Alaska costa.

Si è vero, viaggiare in questa meravigliosa terra è più costoso che effettuare un on the road nel South West USA o nel New England ma non impossibile, non esageriamo. Ho trovato molto più dispendiosi da un punto di vista economico il Cile e l’Isola di Pasqua, la Patagonia Argentina, un Capodanno in Russia all’Hotel National a Mosca o le US Virgin Islands.

L’Alaska è un paese lontano da tutto e in parte inaccessibile durante i lunghi mesi invernali, molti beni primari sono importati e di conseguenza tutto ha un costo maggiore. Gli Alaskani in quanto residenti usufruiscono di alcuni vantaggi come la possibilità di cacciare e pescare in riserve naturalistiche diversamente inaccessibili (il Preserve nella dicitura di molti National Park sta ad indicare esattamente questo) o dei bonus sugli stipendi e sulle tasse.

Il mio consiglio è di muoversi in netto anticipo con le prenotazioni ed i voli in modo da avere più scelta e la possibilità di trovare prezzi migliori.

Come ho scritto più volte un viaggio del genere non si improvvisa, va organizzato nei particolari per una questione di sicurezza in primis e poi per tutto il resto.

Come organizzare un viaggio in Alaska: Turnagain Arm

Come organizzare un viaggio in Alaska: Potter Marsh

Come organizzare un viaggio in Alaska: Beluga Point

Come organizzare un viaggio in Alaska: Denali National Park

Detto questo, per fare due conti:

  • Volando Lufthansa in entrata su Vancouver ed in uscita da Detroit con 2 ulteriori voli interni Alaskan Airlines (che costano pochissimo) la cifra totale si aggira sui 950 euro.
  • I lodge prenotati – ho scelto quelli della Princess perchè avendo effettuato la crociera potevo averli ad un prezzo più ragionevole – non hanno superato a coppia i 100/120 $ a notte, così come l’hotel ad Anchorage.
  • Ho tranquillamente pranzato in tavole calde e piccoli ristoranti con 15/25 $ per pasto, a seconda dei luoghi.
  • La crociera è la voce che in termini economici incide di più, ma comunque nei limiti del possibile. Lo scorso anno avevo trovato una cabina con oblò in offerta sulla Holland a 750$ tutto incluso per una settimana, poi per una serie di motivi personali ho dovuto rimandare il viaggio, questa volta pur avendo trovato una quotazione simile sulla Princess (per motivi personali e lavorativi) ho scelto una mini suite con terrazzino il cui costo ufficiale è di 1500$. Le offerte comunque si trovano, basta muoversi per tempo.
  • Il prezzo di tutte le escursioni effettuate con guide specializzate e driver, molte personalizzate ma ci sono anche quelle con gruppi di max 20 persone che costano meno, si aggira in totale sugli 800$.

Ricapitolando.

L’Alaska è una destinazione cara ma non inaccessibile e considerando la bellezza e la spettacolarità del viaggio che vi aspetta, vale la pena fare qualche piccolo sacrificio per vivere questa esperienza a 360°, senza privarsi di nulla.

Come organizzare un viaggio in Alaska: Northern Lights a Denali NP

Come organizzare un viaggio in Alaska: letture e guide consigliate, testate personalmente

Per prepararmi a questo viaggio ho letto moltissimo, libri, romanzi e guide turistiche.

Di seguito vi elenco i testi che mi sono stati più utili per l’organizzazione dell’itinerario e che di conseguenza mi sento di suggerire.

 

 

Lascia un commento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
E' semplice. Ti assicuro che non riceverai SPAM :)


ISCRIVITI E SCARICA "New York Ghost Tours"
In omaggio per te il mio ebook sui luoghi più "posseduti" e spettrali di New York, un itinerario insolito, originale ed emozionante.
Che aspetti?! NON RICEVERAI SPAM, promesso! Solo informazioni utili e dettagliate per i tuoi viaggi negli States ;)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
E' semplice. Ti assicuro che non riceverai SPAM :)

ISCRIVITI E SCARICA "New York Ghost Tours"

In omaggio per te il mio ebook sui luoghi più "posseduti" e spettrali di New York, un itinerario insolito, originale ed emozionante.
Che aspetti?! NON RICEVERAI SPAM, promesso! Solo informazioni utili e dettagliate per i tuoi viaggi negli States ;)


error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti