Firenze, una passeggiata in “Barchetto” sull’Arno

Ingresso negli Stati Uniti, atterrando a New York
New York, dicono di lei
settembre 13, 2013
Istantanee dal Marocco, la Chouara, antica conceria di Fes
settembre 18, 2013
Show all

Firenze, una passeggiata in “Barchetto” sull’Arno

Inizia la navigazione verso Ponte Vecchio...

Metti un caldo tardo pomeriggio di fine estate, metti Firenze, metti il suo vecchio, lento e taciturno Arno, metti un’antica associazione di barcaioli.

Il risultato é qualcosa di unico e magico, un’esperienza tutta da vivere, perchè per quante volte ci si possa essere gia stati Firenze non smette mai di stupire.

Da maggio a settembre grazie all’impegno e alla dedizione dell’associazione culturale dei “Renaioli” é possibile “passeggiare” sull’Arno, utilizzando i vecchi barchetti usati in passato dai Renaioli per raccogliere la sabbia sul fondo del fiume.il nostro barcaiolo...

Gran parte di questi (il più vecchio il Mosè, un barchetto di 100 anni, fu utilizzato anche per portare soccorso durante l’alluvione del ’66) recuperati dal fondo dell’Arno, censiti e restaurati, vengono utilizzati guidati da barcaioli esperti per permettere, a chi lo desidera, di intraprendere un’emozionante viaggio sul fiume.

Si parte, e ci si ritorna dopo 50 minuti di navigazione, dall’imbarcadero del Lungarno Diaz, sulla riva destra poco dopo il Ponte delle Grazie.

Il percorso é suggestivo, specie se lo si effettua nel tardo pomeriggio, quando le luci del tramonto regalano al cielo e al fiume una luce tutta particolare, una luce che colora i palazzi, i ponti, le chiese, conferendogli un’aura quasi magica.

San Jacopo

E così si attraversano gli Uffizi, il Corridoio Vasariano ed il Ponte Vecchio, uno spettacolo da qualsiasi punto lo si osservi, e poi ancora più in sù verso Ponte Santa Trinita, il ponte più antico di Firenze, almeno fino ai bombardamenti del ’45, passando per la Chiesa di San Jacopo sopra Arno detta col culo sull’Arno perché spesso inondata nelle piene del fiume, sino a Palazzo Corsini.

Una buona guida, prenotata assieme al giro in barchetto, vi permetterà di scoprire aneddoti e curiosit, rendendo la vostra traversata ancora più piacevole.

Se poi avrete, come me, la fortuna di godere della compagnia di un fiorentino DOC che vi delizi con alcune vecchie canzoni, durante la traversata, allora l’esperienza in Barchino sarà davvero completa.

E così la mia ennesima visita a Firenze mi ha riservato un’altra incredibile sorpresa e son sicura che ancora non sia finita qui.

Col nostro barcaiolo...

Una città che ha sempre tanto da offrire in termini di storia, arte, cultura, gastronomia, difficile riuscire a condensare tutto in una sola visita o in un breve periodo.

Una buona soluzione in termini economici e di confort per soggiornarvi per più giorni, é senza dubbio quella di affittare un appartamento a Firenze con GowithOh, avendo più tempo a disposizione sarà più semplice incastrare visite e percorsi, riuscendo a regalarsi oltre ai classici circuiti turistici esperienze uniche come quella dei Renaioli, o come una passeggiata nell’Oltrarno tra vecchie chiese, palazzi storici, preziosi tesori artistici sconosciuti ai più e  antiche botteghe artigiane.

Rientrando verso Ponte Santa Trinita...

 

2 Comments

  1. claudia ha detto:

    la tua guida ti ha fatto fare un bellissimo tour! E adoro la Cappella Brancacci e il Santo Spirito 😀

    • Simona ha detto:

      Si Jessica é stata bravissima a mostrarmi una Firenze diversa.
      Adesso son curiosa di conoscerla attraverso gli occhi di un’altra brava guida… te!!
      Non vedo l’ora 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti