Navigando verso lo stretto di Magellano

Incontro, nel Seno Agostini  dal nome del prete italiano, esploratore e fotografo, che girò tutta la Terra del Fuoco e la Patagonia – il Glaciar Aguila, un meraviglioso giacciaio patagonico che a causa dell’inquinamento atmosferico si sta purtroppo velocemente ritirando.

La mia navigazione alla

Splendidamente adagiato su una roccia antichissima, si riflette su un sottile specchio d’acqua creato dalla sua stessa liquefazione, le sue venature bluastre dovute alla massiccia presenza di ossigenogli conferiscono un aspetto ancora più particolare.

Arrivo finalmente allo Stretto di Magellano, il canale che mette in comunicazione l’Oceano Atlantico con il Pacifico, scoperto appunto dal navigatore portoghese Magellano, durante la sua Circumnavigazione del Globo dal 1519 al 1522.

Verso il ghiacciaio Aguila Il Ghiacciaio Aguila, Cile

Scopro tra i nomi dei personaggi della sua spedizione l’italiano Antonio Pigafetta, autore del suo diario di bordo, conosciuto come “Relazione del primo viaggio intorno al mondo”.

Fu lui a dare il nome al Pacifico, fu lui a completare la circumnavigazione dopo la morte di Magellano e fu sempre lui ad accorgersi, datando le pagine del suo diario e trovandosi con un giorno in meno, del cambiamento progressivo di orario man mano che si procedeva verso ovest, il Fuso Orario.

“Se meravigliassemo molto e non sapevamo come avessimo errato: per ogni giorno, io, per essere stato sempre sano, aveva scritto senza nissuna intermissione. 

Ma, come dappoi ne fu detto, non era errore; ma il viaggio fatto sempre per occidente e ritornato a lo stesso luogo, come fa il sole, aveva portato quel vantaggio de ore ventiquattro, come chiaro se vede”

(Antonio Pigafetta – “Relazione del primo viaggio intorno al mondo”)

Sbarco sulla ventosa Isla Magdalena, proprio nel bel mezzo dello stretto, per conoscere e vedere da vicino il simpatico e grazioso Pinguino Magellanico.

I Pinguini Magellanici Isla Magdalena, Cile... l'isola dei Pinguini Magellanici...

Alto non più di un metro, monogamo e abitudinario arriva qui per deporre le uova, far nascere i piccoli e prepararsi alla migrazione di marzo.

Si muove del tutto indisturbato, non curante della mia presenza, cammina in un modo così buffo ed emette dei suoni veramente fastidiosi ma è davvero un piacere osservarlo, è una delle tante meraviglie della natura che mi circonda ormai da giorni.

Arrivo a Punta Arenas...

L’arrivo a Punta Arenas, una caratteristica cittadina cilena, ed il definitivo sbarco quasi mi intristiscono, sono stati cinque giorni incredibili.

Non ho neanche il tempo di pensarci sù troppo perchè si riparte subito con un bus locale alla volta di Puerto Natales, per scoprire il Parco Nazionale di Torres del Paine.

Ed il viaggio continua.

Lascia un commento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
E' semplice. Ti assicuro che non riceverai SPAM :)


ISCRIVITI E SCARICA "New York Ghost Tours"
In omaggio per te il mio ebook sui luoghi più "posseduti" e spettrali di New York, un itinerario insolito, originale ed emozionante.
Che aspetti?! NON RICEVERAI SPAM, promesso! Solo informazioni utili e dettagliate per i tuoi viaggi negli States ;)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
E' semplice. Ti assicuro che non riceverai SPAM :)

ISCRIVITI E SCARICA "New York Ghost Tours"

In omaggio per te il mio ebook sui luoghi più "posseduti" e spettrali di New York, un itinerario insolito, originale ed emozionante.
Che aspetti?! NON RICEVERAI SPAM, promesso! Solo informazioni utili e dettagliate per i tuoi viaggi negli States ;)


error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti