Giappone, incontri

Il mio viaggio in Giappone, un itinerario pieno, ricco, vissuto fin troppo intensamente, mi ha lasciato un cumulo di sensazioni ed impressioni non sempre facili da decifrare.

Dopo 9 giorni non posso certo avere la presunzione di aver compreso, eppure qualcosa si è smosso.

L’approccio con una cultura totalmente diversa dalla mia, l’iniziale sorpresa, l’inevitabile curiosità, la scoperta di un mondo profondamente radicato nella tradizione eppure perfettamente inserito nelle dinamiche più tecnologiche ed avveniristiche.

Kyoto, donne al bivio tra modernità e tradizione

Kyoto, donne al bivio tra modernità e tradizione

Nel mezzo, loro, i Giapponesi.

Precisi all’inverosimile, educati e gentili al punto da arrivare, dietro una tua richiesta di informazioni, a mostrarti un percorso, accompagnandotici di persona se necessario, chiusi nel loro mondo e nelle loro regole, che osservano scrupolosamente.

Ai miei occhi fin troppo cerimoniosi (un dato di fatto della loro cultura, certo) eppure sempre disponibili a rivolgerti un sorriso o farsi fotografare anche in abiti tradizionali, in qualsiasi momento della loro giornata lavorativa e spirituale, in ufficio come al tempio.

Kyoto, scene da un matrimonio

Kyoto, scene da un matrimonio

Un farsi fotografare che non viene quasi mai, come sarebbe logico pensare, dal desiderio di mettersi in mostra o dalla disponibilità nel soddisfare le richieste di un turista invadente.

Un farsi fotografare che credo nasca dall’orgoglio di mostrare con estrema naturalezza, e con un pizzico di vanità forse in alcuni casi, la propria cultura e le proprie tradizioni.

Kyoto, Higashiyma, pellegrinaggio delle giovani spose al Santuario

Kyoto, Higashiyma, pellegrinaggio delle giovani spose al Santuario

Ecco, da qui in poi il mio percorso in Giappone é stato caratterizzato ed arricchito da una serie di incontri fortuiti (al di là dei luoghi e delle visite di un itinerario serratissimo) che, tra uno stentato inglese, tanta gestualità ed una infinità di sorrisi ed inchini, mi hanno regalato momenti di vita reale, un quotidiano non sempre facile da capire lo riconosco, un pezzo di Giappone che non trovi nelle guide, qualcosa che, come in ogni viaggio, puoi provare a comprendere solo mettendoti, come si suol dire, nei panni e nei discorsi di chi ti “ospita”.

Penso alle ragazze in kymono incontrate al Senso-Ji di Asakusa a Tokyo, ai loro sorrisi, alla naturalezza delle loro pose, al contrasto tra la solennità del loro abbigliamento e la gestualità tipica della loro età, quella che puoi ritrovare negli sguardi e negli atteggiamenti dei giovani di tutto il mondo.

Tokyo, ragazze in Kimono al Senso-Ji

Tokyo, ragazze in Kimono al Senso-Ji

Mi raccontano che é del tutto naturale uscire in abiti trazionali, talvolta é il governo stesso che le stimola a farlo offrendo loro gratuitamente, come incentivo, il viaggio di andata e ritorno in città. Sorridono, ammiccano, scherzano ed arrossiscono, specie se un gruppo di ragazzi passa nelle vicinanze, e poi d’improvviso tornano serie e silenziose al passaggio della processione del Drago Dorato e delle Geishe.

E poi penso ai giovani di Takeshita street, all’eccesso ed all’esplosione di colore e modernità, al contrasto, fin troppo voluto, che sfocia poi spesso nell’impersonalità.

Tokyo, gli eccessi di Takeshita street

Tokyo, gli “eccessi” di Takeshita street

Penso ai templi ed ai santuari, ai colori, alla devozione di giovani, anziani, bambini, ai gesti, ripetuti in sequenza, cadenzati quasi si trattasse di una melodia muta da comporre con le mani e con gli sguardi, ed alla fede, così presente eppure così impalpabile.

Tofuku-Ji, Santuario Fushimi Inari Taisha

Tofuku-Ji, Santuario Fushimi Inari Taisha

Giappone, famiglia al tempio

Giappone, famiglia al tempio

Kyoto, acqua sacra di Otowa, fonte purificatrice

Kyoto, acqua sacra di Otowa, fonte purificatrice

Penso alle scolaresche incontrate (ottobre in Giappone é periodo di gite scolastiche, così mi dicono), alle divise, rigorosamente blu navy ed ai sandali con i calzettoni bianchi, agli sguardi attenti dei bambini, alla curiosità nei confronti degli “ospiti” occidentali, alle domande ed alle interviste “sostenute” per testare (come gli suggeriscono gli insegnanti) il livello del loro inglese, con tanto di firma sul quaderno e foto di rito.

Kyoto, scolaresca in fila per il Nijo Castle

Kyoto, scolaresca in fila per il Nijo Castle

Nara, scolari giapponesi soddisfatti dopo la mia intervista

Nara, scolari giapponesi soddisfatti dopo la mia intervista

Penso ad Hiroshima, all’emozionante incontro con l’uomo degli origami certo, ma anche ai luoghi, alla semplicità di un memoriale la cui potenza evocativa lascia senza parole (creando invece scompiglio tra i pensieri), ai racconti, alle immagini, alle parole di chi ricorda e non vorrebbe, di chi guarda avanti, di chi, sebbene giovane, si impegna nella memoria, di chi inconsapevolmente tradisce un dolore ed una rabbia non ancora del tutto sopiti.

Hiroshima, la scoperta e l'incredulità

Hiroshima, la scoperta e l’incredulità

Penso ad un anziano esperto di scrittura incontrato in un negozio artigianle di Nara, alla pazienza, alla gentilezza ed alla dedizione con cui si é impegnato a ricercare i simboli giusti per riprodurre il mio nome con i caratteri giapponesi.

Nara, a lezione di caratteri giapponesi

Nara, a lezione di caratteri giapponesi

Penso, al mio primo Okonomiyaki (una sorta di frittata con spaghetti di soia, con pesce o carne, cotta su una piastra bollente), alla curiosità, all’impressionante abilità delle mani che lo preparano davanti ai miei occhi e alla sorpresa nello scoprire un sapore sorprendentemente familiare.

Penso ai luoghi che, come da copione, avrebbero dovuto affascinarmi e che non l’hanno fatto e a quelli che, scoperti per caso e per fortuna, mi hanno lasciata senza parole.

Kyoto, Gion vista da un bus

Kyoto, Gion vista da un bus

Penso e ripenso ad un Giappone diverso da quello che mi aspettavo, più reale e meno da sogno, meno spettacolare ma più bello, parlarne (per quel che mi riguarda) senza il rischio di cadere nell’ovvio non é poi così facile come sembrerebbe.

Tokyo, amore e tradizione

Tokyo, amore e tradizione

Mi affido alle persone, ai gesti, ai volti ed ai racconti, mi affido alle sensazioni, alle immagini impresse nel mio obiettivo, e nella mia mente.

 

4 Comments

  • Ilaria - Just Read The World

    dicembre 1, 2014 at 2:14 pm

    Questo tuo post così delicato e pieno di sensibilità, mi convince ancora di più di quanto viaggiare possa regalare emozioni uniche ed aprirci a nuove culture. Una delle mete che mi ha sempre affascinata maggiormente è proprio il Giappone: questo paese così moderno, ma ancora fortemente ancorato alle sue tradizioni. Senz’ altro sarà uno dei miei prossimi viaggi.

    Rispondi
    • Simona

      dicembre 1, 2014 at 2:27 pm

      Grazie Ilaria.
      Calcola poi che io non sono un’amante dell’Asia, mi spiego… la mia bussola é orientata ad occidente, da sempre, lo riconosco con estrema sincerità.
      Ci ho messo davvero impegno ed attenzione in Giappone, così come in Cina in passato, non volevo che il mio modo di vedere il mondo “viziasse” in qualche modo questo viaggio e devo riconoscere che la sorpresa é stata grande e vera.
      Ora anche io ho un “mio” particolarissimo Giappone da ricordare e magari raccontare… a chi vorra ascoltare!!

      Rispondi
  • Anna

    dicembre 1, 2014 at 2:33 pm

    Sai perchè seguo assiduamente il tuo blog? Perchè te racconti davvero i luoghi così come li vedi. Non é mai tutto bellissimo e perfetto, nei tuoi racconti é tutto più vero.
    Grazie x questo, da una che viaggi così non potrà mai farli e che sogna seguendo i tuoi.
    Anna

    Rispondi
    • Simona

      dicembre 1, 2014 at 2:37 pm

      Wow Anna che complimento!
      Grazie, davvero, come si dice… io ci provo sempre a raccontare le cose che vedo, bello e brutto incluso, certo non sempre mi riesce al meglio, ma ci provo!!

      Rispondi

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti