• Home
  • /
  • Emozioni
  • /
  • Insolita New York, “turista per caso” a Triboro

Insolita New York, “turista per caso” a Triboro

Insolita New York: turista per caso a Triboro

Acronimo di Three Boroughs, ovvero tre dei cinque distretti, The Five Boroughs, che compongono la città di New York.

Ci sono la stranote Manhattan e Staten Island e poi ci sono il Bronx, il Queens e Brooklyn le tre aeree più densamente popolate e ricche dal punto di vista umano e multiculturale dell’intera città.

Bronx, nei dintorni dello Yankees Stadium

Bronx, nei dintorni dello Yankees Stadium

Se volete conoscere ed assaporare la vera essenza di New York, una volta fatta la dovuta indigestione delle grandi attrazioni turistiche e dei luoghi simbolo di Manhattan é qui che dovete venire.

Qui dove decine di culture ed etnie differenti nel corso di un secolo circa si sono stanziate, spesso scontrate, talvolta isolate ma più frequentemente integrate dando vita ad una carrellata di colori, suoni, odori e tradizioni talmente variegata ed originale da poter essere considerata unica al mondo.

Bronx, street art. Il mitico Babe Ruth

Bronx, street art. Il mitico Babe Ruth

Non abbiate paura di prendere la metro e di spingervi in queste zone, una volta territorio esclusivo di bande criminali ed organizzazioni mafiose, oggi decisamente più tranquille, interessanti e sempre più attive realtà locali grazie soprattutto al lavoro di Rudolph Giuliani e Michael Bloomberg, i due sindaci che nel corso di un decennio hanno contribuito (ognuno a modo suo) in maniera determinante alla rivalutazione di queste zone.

Insolita New York: turista per caso nel Bronx e nel Queens

Se ripenso al Bronx ed al Queens del passato, quelli dei film della mia adolescenza il colore che mi viene alla mente é il grigio.

Il colore anonimo della miseria, della serrande abbassate, delle walkup, le case popolari di due, massimo tre piani, malandate e semidistrutte che caratterizzavano lo sfondo di un quartiere che sembrava uscito da un documentario post-bellico.

Si perchè qui fino agli anni’80 gli edifici venivano incendiati dagli stessi proprietari per poter accedere ai soldi delle assicurazioni, qui le più note famiglie mafiose dettavano leggi e regole quasi si trattasse di un’inquietante stato parallelo, qui si sparava per pochi spiccioli e si uccideva per ancora meno.

Se guardo il Bronx ed il Queens di oggi, improvvisatami turista per caso nella multiculturalità di una città che amo e che non smette mai di sorprendermi, io vedo, nonostante il tempo uggioso di una fredda mattina di inizio novembre, un caleidoscopio di colori, contrastanti certo, ma vivi e brillanti.

Strade del Bronx

Strade del Bronx

Sicurezza e controlli nei pressi dello Yankee Stadium

Sicurezza e controlli nei pressi dello Yankee Stadium

Quelli dei graffiti, inneggianti i propri beniamini, sulle serrande e sulle pareti dei locali nei pressi del nuovissimo Yankee Stadium, quelli accesi dei mercati locali o dei futuristici centri commerciali che nascono come funghi.

Quelli eccentrici e sgargianti degli abiti tradizionali, quelli caldi, segno di un autunno avanzato, dei numerosi parchi e giardini che prendono lentamente il posto delle aeree degradate e quelli sfumati dei negozi etnici in cui é possibile trovare i prodotti più stravaganti ed originali.

Provate ad entrare in una bottega ispanica di Botanica nel Bronx (ce ne sono ovunque), chiedete gentilmente di poter curiosare, vi ritroverete tra oggetti sacri, ingredienti per pozioni “magiche” e spray per salvaguardare l’anima.

L'ingresso di una bottega ispanica di Botanica

L’ingresso di una bottega ispanica di Botanica

Se poi volete farvi un’idea della vita nel Queens al di là di quelle che sono le sue principali attrattive (prime tra tutte il Queens Museum of Art, lo Sculpture Center ed il Mets City Field ), basterà raggiungere Astoria.

In passato zona malfamata e ad alto rischio, oggi tranquillo quartiere residenziale in cui coesistono, quasi sempre pacificamente, abitazioni ed attività di Serbi, Croati, Albanesi, Greci ed una folta ed autentica comunità italiana, le cui case, mi fanno notare, sono facilmente individuabili grazie a tre elementi distintivi… il giardino curato, un piccolo orto e l’immancabile Madonnina di ceramica all’ingresso.

Ma la sorpresa più bella Astoria te la fa proprio nel punto in cui si affaccia sull’East River, all’inizio dell’Astoria Park, una veduta unica e speciale su Manhattan e sull’Hell Gate, il suggestivo ponte che la collega al Bronx.

Astoria, Queens. Finestra su Manhattan

Astoria, Queens. Finestra su Manhattan

L'Hell Gate, il ponte che collega il Queens al Bronx

L’Hell Gate, il ponte che collega il Queens al Bronx

Insolita New York: turista per caso a Brooklyn

Il borough più variegato e popoloso (circa due milioni e mezzo di abitanti), il più antico e ricco, in termini di vissuto ed esperienze, dell’intera New York.

Ogni volta che ci torno mi sorprendo ad osservare la vita che scorre nelle sue strade, tra le sue diversissime comunità, e ad ascoltare, entrando in un locale o semplicemente stando seduta su una panchina di un parco, le lingue ed i dialetti più improbabili.

Nessun luogo al mondo meglio di Brooklyn rissume in sè le mille sfumature del concetto di multiculturalità.

Passeggiando per Williamsburg, Brooklyn

Passeggiando per Williamsburg, Brooklyn

E’ come se questa area fosse nata e si fosse sviluppata esclusivamente per dare modo a chiunque di vivere e coltivare il suo pezzetto di “sogno americano” senza dover rinunciare alle proprie origini ed al proprio bagaglio di tradizioni e cultura.

Un quartiere che parla di mondo e a saperlo ascoltare si scoprono storie e personaggi, saghe familiari e stili di vita che suscitano senimenti ed emozioni spesso contrastanti, commozione, incredulità, talvolta anche disapprovazione mista ad un irritante sentimento di incomprensione per qualcosa di tanto diverso e distante.

Come, ad esempio, l’emozionante incontro con i Fortunato Brothers a Williamsburg Northside, una famiglia di pasticceri napoletani trasferitasi qui negli anni’50. Una storia fatta di non pochi sacrifici e di qualche bella soddisfazione come quella di essere riusciti a diventare un punto di riferimento e di incontro per l’intero quartiere.

In compagnia di uno dei Fortunato Brothers, Williamsburg.

In compagnia di uno dei Fortunato Brothers, Williamsburg.

O, diversamente, come l’incontro-scontro (più che altro emotivo) con la comunità ebraica degli Acdin (particolarmente presente nel sud di Williamsburg) che volutamente ha scelto di vivere isolata dalle altre etnie temendo che le inevitabili interferenze e contaminazioni possano in qualche modo intaccare la purezza del loro credo.

Una realtà difficile da accettare (considerate soprattutto le condizioni di sottomissione a cui sono sottoposte le donne) eppure radicata, nel rispetto delle altre comunità presenti, in questa zona da moltissimo tempo.

Williamsburg, il quartiere Acdin sotto la pioggia

Williamsburg, il quartiere Acdin sotto la pioggia

Ed é proprio questa la magia (passatemi il termine) di Brooklyn, e di Triboro in generale.

Constatare con i propri occhi, ed orecchie, che c’é dell’altro e che nonostante lo si possa condividere o meno vale comunque la pena sforzarsi di capirci, e magari imparare, qualcosa di più.

 

5 Comments

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti