• Home
  • /
  • Il Sud
  • /
  • Visitare lo Houston Space Center. Come arrivare e cosa vedere

Visitare lo Houston Space Center. Come arrivare e cosa vedere

Hey Houston, we’ve had a problem here.

(Hey Houston, abbiamo avuto un problema qui)

James A. Lovell

La frase é storica, di quelle che non si dimenticano.

Riportata con successo in una delle produzioni hollywoodiane più famose, quella del film Apollo 13 con Tom Hanks, e rientrata di diritto nel quotidiano interloquire per indicare in maniera, più o meno ironica, l’insorgere di un problema di difficile soluzione.

"Hey,Houston, we've had a problem here", Apollo 13

“Hey,Houston, we’ve had a problem here”, Apollo 13

Fu pronunciata dall’astronauta James A. Lovell il 14 aprile del 1970, letteralmente in diretta dallo Spazio, nel momento in cui a bordo dell’Apollo 13, diretto sulla luna, esplose un serbatoio d’ossigeno rendendo impossibile l’allunaggio e decisamente problematico il rientro sulla terra.

Un complicato ed estenuante lavoro di gruppo tra equipaggio a bordo e tecnici della NASA, coordinato magistralmente dalla Sala Comandi del Centro Spaziale di Houston, che riuscì a riportare il modulo lunare e i tre astronauti sulla terra, grazie ad un inconsueto (e geniale, secondo gli esperti) giro attorno alla luna per acquistare velocità e ripartire.

Un ammaraggio in pieno Oceano Pacifico, dopo quattro lunghissimi giorni durante i quali tutto il mondo, connesso ai pochi mezzi di informazione presenti all’epoca, era rimasto con il fiato sospeso, in ansia per la sorte del gruppo di giovani e risoluti membri dell’equipaggio.

La gioia dopo aver riportato sulla terra l'Apollo 13. Houston Spoace Center photo credits

La gioia dopo aver riportato sulla terra l’Apollo 13. Houston Spoace Center photo credits

Può una singola frase (ed un altro piccolo sogno da realizzare…) ispirare una destinazione e deviare un percorso!?

Beh, nel mio caso si…

Il mio ritorno a Houston parte esattamente da qui, dal desiderio di riuscire a visitare il Lyndon B. Johnson Space Center e di ritrovarmi fisicamente (proprio come mi era accaduto a  Cape Canaveral con la visita dell’originale sala comandi dell’Apollo11, la missone del primo uomo sulla luna) in uno dei luoghi in cui si é fatta la storia delle missioni e della ricerca spaziale.

Houston Space Center, l'accesso alla sala comandi di Apollo 13

Houston Space Center, l’accesso alla sala comandi di Apollo 13

Come arrivare, informazioni pratiche sulla visita

Lo Space Center si trova ad una mezz’ora d’auto, traffico permettendo, da Houston.

L’ingresso visitatori, a poca distanza dall‘I-45 S, lo si individua subito grazie ad un’impressionante modello, a grandezza naturale, dello Shuttle Independence “caricato” su uno Shuttle Carrier Aircraft.

Lo Shuttle Independence all'ingresso dello Space Center

Lo Shuttle Independence all’ingresso dello Space Center

Il centro é aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18 ma nei week end è consigliabile arrivare almeno un’ora prima per evitare le lunghe code di accesso ai tour interni. Il pacheggio é gratuito e l’ingresso (al momento della mia visita 21 dollari per gli adulti e 15 per i bambini) é incluso per i possessori dello Houston City Pass.

Esiste inoltre un bus, il 249, che parte (e ritorna) tutti i giorni – esclusa la domenica ad intervalli di un’ora – dal downtown di Houston e raggiunge l’ingresso dello Space Center in un’ora e quindici minuti circa. Il costo si aggira sui 5 dollari.

Sul METRO Schedules Bus&Rail, il sito ufficiale dei trasporti pubblici della città, troverete le fermate, le eventuali variazioni, e gli orari precisi di partenza ed arrivo.

Space Center, cosa vedere

Il Lyndon B. Johnson Space Center, attivo dal 1963, é un centro spaziale che fa riferimento alla NASA e che si occupa principalmente dell’organizzazione e del controllo missione per tutti i voli spaziali con equipaggio umano.

In pratica qui non solo si preparano le missioni spaziali, in collaborazione con Cape Canaveral (il luogo da dove partono gli shuttle) ma si formano e preparano (e poi si seguono fino al successivo rientro sulla terra) fisicamente ed emotivamente gli equipaggi dei futuri voli spaziali.

All'interno dello Space Center

All’interno dello Space Center

In memoria dell'equipaggio del Columbia, perso al rientro dallo spazio nel 2003

In memoria dell’equipaggio del Columbia, perso al rientro dallo spazio nel 2003

La visita dello Space Center si divide in due fasi, quella della NASA Tram Tour, le navette partono ogni mezz’ora dal Visitor Center e nei giorni di maggiore affluenza presentano file d’attesa abbastanza lunghe, e quella della Exhibit Plaza, la vasta area adiacente all’ingresso attrezzata con negozi food court e servizi pubblici, dove é possibile “provare” alcune esperienze particolari, come simulare un lancio nello spazio, toccare frammenti di roccia lunare, assistere a filmati inediti sulla vita e sui durissimi allenamenti degli astronauti, e visionare, per quanto possibile, i progetti futuri per lo sbarco su Marte.

Da non perdere poi per le famiglie con bambini la Kids Space Place, l’area multimediale creata per testare le stesse esperienze a misura di bimbo.

L'ingresso alla Exhibit Plaza

L’ingresso alla Exhibit Plaza

Exhibit Plaza, particolari

Exhibit Plaza, particolari

Il mio consiglio, una volta entrati, è di recarsi subito al NASA Tram Tour, sicuramente la parte più interessante ed eccitante della visita, per poi lasciarsi del tempo al rientro per esplorare con calma l’Exhibit Plaza.

I Tour (il Blue Tour per le stazioni di controllo spaziali ed il Red Tour per osservare dal vivo la preparazione degli astronauti) durano circa 90 minuti e terminano entrambi nel Rocket Park, la zona dei missili e delle navette spaziali in disuso.

Bisogna tener presente che lo Space Center si trova in una base spaziale tutt’ora in attività e di conseguenza gli spostamenti all’interno sono limitati da rigide norme di comportamento che vengono ricordate di continuo dalla guida e dall’accompagnatore di turno.

L'Hangar di Saturno V

L’Hangar di Saturno V

I momenti più emozionanti sono senza ombra di dubbio l’ingresso nel centro nevralgico della NASA con la visita, rigorosamente guidata, alla sala comandi resa famosa dalla missione Apollo 13 e l’accesso all’Hangar di Saturno V, uno degli ultimi tre missili originali che tra gli anni ’60 e ’70 mandarono in orbita più di 14 equipaggi Apollo, tra cui quello dell’allunaggio e quello di “Houston we’ve had a problem here“.

L'originale sala comandi di tutte le Missioni Apollo

L’originale sala comandi di tutte le Missioni Apollo

Saturno V, uno dei tre missili originali

Saturno V, uno dei tre missili originali

Saturno V, particolari

Saturno V, particolari

Molto interessante anche l’esperienza fornita dal Red Tour (che termina sempre al Saturno V) che consente di seguire il dietro le quinte della preparazione di veri astronauti e che, a causa della programmazione e delle missioni imminenti, non é sempre possibile effettuare.

Red Tour, particolari

Red Tour, particolari

 

Impressioni

Lo Space Center di Houston, porta di accesso alla vera e propria base spaziale Lyndond B. Johnson Space Center, pur essendo meno noto e visitato da un punto di vista turistico rispetto a quello di Cape Canaveral in Florida, risulta a mio parere molto più interessante e meritevole di una sosta, specie per gli appassionati del genere.

Houston Space center, Rocket Park

Houston Space center, Rocket Park

Si tratta di un centro a tutt’oggi in continua e fervente attività e, nonostante i vincoli di sicurezza che impediscono di entrare in diverse aree, la visita risulta essere molto più “vera” e coinvolgente rispetto al famoso Kennedy Space Center che purtroppo, nel corso degli ultimi anni (nonostante al suo interno conservi ancora alcune zone autentiche come l’edificio di assemblaggio e la rampa di lancio degli shuttle e la sala comandi dell’Apollo11) ha rallentato, causa tagli finanziari, la sua attività e si é trasformato in un vero e proprio parco turistico con attrazioni per grandi e bambini e prezzi proibitivi, tanto per l’accesso che per i servizi interni.

Il secondo Saturno V conservato al Kennedy Space Center

Il secondo Saturno V conservato al Kennedy Space Center

Center, lo shuttle in rampa di lancio, aprile 2011

Kennedy Space Center, lo shuttle in rampa di lancio, aprile 2011

Un parere personale, un’mpressione conseguente a due visite intense ed approfondite, effettuate in momenti (e viaggi) differenti, nulla di più.

Godetevi il vostro tour “nello spazio” che sia a Cape Canaveral in Florida o a Houston in Texas, e poi se vi va raccontatemi le vostre sensazioni, vi aspetto!

 

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti