• Home
  • /
  • New York
  • /
  • New York, l’esperienza del Tenement Museum

New York, l’esperienza del Tenement Museum

Noi, in parte, siamo frutto di quel sacrificio

 

Queste poche parole, cariche di un’inaspettata commozione, soprattutto perchè pronunciate una ragazza di poco più di 20 anni, raccontano tanto della mia esperienza al Tenement Museum di New York.

Un museo che ripercorre in maniera intima ed estremamente efficace, la storia dell’immigrazione di questa città in uno dei suoi quartieri simbolo, il Lower East Side.

Tenement Museum, New York di ieri e di oggi

Tenement Museum, un bivio tra la New York di ieri e di oggi

Un edificio, quello al 97 di Orchard Street, in cui dal 1863 al 1935 abitarono ininterrottamente circa 7000 immigrati, ed i suoi interni, perfettamente e talvolta drammaticamente conservati, grazie soprattutto al fatto che l’intera struttura fu chiusa definitivamente nel 1935 per poi essere riaperta solo nel 1992 come museo.

Una guida, la giovane ragazza a cui accennavo prima, sorprendentemente motivata e partecipe, due famiglie, una prussiana ed una italiana, le cui storie custodiscono un passaggio difficile ma fondamentale per coprendere gli Stati Uniti di oggi, ed una grande consapevolezza, il ruolo determinante svolto dall’immigrazione nello sviluppo e nella forza dell’identità nazionale americana.

L'ingresso dell'edificio al 97 di Orchard Street

L’ingresso dell’edificio al 97 di Orchard Street

L’esperienza del Tenement é forte ed efficace.

A differenza di Ellis Island, la famosa Gateway to America, il principale punto d’accesso negli Stati Uniti, in Orchard Street i nomi ed i cognomi, fissati da un inchiostro scolorito dal tempo sui registri dell’immigrazione, prendono vita, diventano persone vere con un volto ed un’identità ben precisa.

La possibilità di ripercorrere le loro storie, nei luoghi reali in cui queste si sono svolte, offre la concreta consapevolezza delle difficoltà e delle vicissitudini patite. Stanza dopo stanza, racconto dopo racconto, foto dopo foto, si arriva quasi a conoscerle, a seguirle nella loro vita di tutti i giorni, a gioire e a patire con loro, attraverso l’angoscia e la solitudine, la speranza e la determinazione.

Hard Times, vita nel Lower East Side

Hard Times, vita nel Lower East Side

In un’ora o poco più é possibile seguire le vicende della famiglia Gumpertz, arrivata a New York nel 1870, e quella della famiglia Baldizzi, arrivata invece nel 1928.

Due storie, scandite dal corso degli eventi (come il Panico del 1873 che spinse molti uomini ad abbandonare le proprie famiglie in cerca di lavoro altrove o la Grande Depressione del 1920), cariche di episodi drammatici ma anche di grande fermezza e spirito di sacrificio.

Tenement Museum, l'ingresso dell'edificio di Orchard Street

Tenement Museum, l’ingresso dell’edificio di Orchard Street

Si scopre così che la signora Nathalie Gumpertz rimasta senza marito, lavorando instancabilmente come sarta e donna delle pulizie, riuscì a tirare avanti assieme ai suoi quattro figli (uno dei quali morto purtroppo prematuramente di diarrea) e che Adolfo e Rosaria Baldizzi realizzarono, tra mille difficoltà, il loro sogno di diventare cittadini americani e di far crescere i loro figli in quello che essi stessi definirono il paese della speranza e delle possibilità.

Tenement Museum, la cucina della famiglia Gumpertz

Tenement Museum, la ricostruzione fedele, nei locali originali, della cucina della famiglia Gumpertz

Orchard Street, le condizioni degli appartamenti abbandonati nel 1935 e riaperti nel 1992

Orchard Street, le condizioni degli appartamenti abbandonati nel 1935 e riaperti nel 1992

La prova di quanto e come dai loro sacrifici sia poi nato, nel tempo, qualcosa per cui sia valsa la pena lottare la si ha guardando a fine visita le foto, moderne e piene di colore, dei loro discendenti (l’organizzazione del museo é riuscita grazie ai registri a rintracciarne tantissimi) quasi sempre perfettamente integrati nel sistema americano ed allo stesso tempo orgogliosamente legati alle loro origini.

Gli appartamenti scarni ed angusti, i pochi oggetti posseduti, i miseri bagni in comune nel piccolo spazio all’aperto tra un edificio ed un altro, i graffi e le incisioni sulle scale e negli interni delle abitazioni, segno inequivocabile dei frequenti traslochi, le famiglie degli immigrati si spostavano di continuo e non sempre verso una situazione più agiata.

Ed inoltre il senso di claustrofobia che inevitabilmente assale il visitatore una volta entrato ed il continuo riferimento alle umiliazioni subite ed alle regole ferree a cui erano sottoposti gli immigrati arrivati nel Lower East Side, rendono ancora più forti e cariche di significato le parole commosse della guida al termine della visita… Noi, in parte, siamo frutto di quel sacrificio.

Rosaria Baldizzi, ai tempi della vita in Orchard Street

Rosaria Baldizzi, ai tempi della vita in Orchard Street

Il Tenement é per me uno dei complessi museali più veri ed interessanti della città, perchè riesce a mostrare senza filtri il lato meno patinato ma più concreto e reale del grande sogno americano spingendo tra l’altro il visitatore ad una profonda riflessione su una questione, quella dell’immigrazione, ancora attualissima e non scevra di problemi, tanto per chi é in cerca di un futuro migliore quanto per chi si trova nella condizione di doverne fronteggiare la massiccia e talvolta incontrollabile affluenza.

Il Visitor Center del Tenement Museum

Il Visitor Center del Tenement Museum, all’angolo tra Delancey ed Orchard Street

Alcune informazioni utili.

Il Tenement Museum si trova nel Lower East Side, al 103 Orchard Street ed é aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Le fermate metro più vicine sono quelle di Delancey-Essex Street e di Bowery.

Il costo del biglietto d’ingresso varia dai 20 ai 25 dollari, il Tenement Museum é gestito da un’organizzazione privata che va avanti grazie ai proventi delle visite ed alle donazioni.

Sono previsti diversi tour (il mio era quello denominato Hard Times) in base alla durata ed all’oggetto d’interesse dei visitatori, oltre alla visita dell’edificio é infatti possibile prendere parte a camminate guidate nel quartiere per scoprire i negozi e le attività di una zona da sempre ad alto tasso d’immigrazione.

Le visite, specie nei periodi ad alta affluenza turistica, possono agevolemente essere prenotate sul sito ufficiale.

E’ opportuno, una volta in possesso della prenotazione, recarsi al Visitor Center sempre mezz’ora prima dell’inizio del proprio tour, per ritirare il biglietto d’ingresso ed accertarsi che non ci siano variazioni d’orario, sempre a causa dell’affluenza.

All’interno del museo é assolutamente vietato fotografare e filmare e tenere acceso qualsiasi tipo di strumento elettronico, inclusi i cellulari.

Le foto d’epoca e degli interni presenti in questo articolo sono state gentilmente concesse dal Tenement Museum.

6 Comments

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti