• Home
  • /
  • Stati Uniti
  • /
  • Grand Central Terminal, in una stazione “un secolo” di New York!

Grand Central Terminal, in una stazione “un secolo” di New York!

Grand Central Terminal, affettuosamente chiamata Central Station o Grand Central dai newyorkesi che ogni giorno, in più di 500.000, la attraversano per raggiungere le loro destinazioni, non é solo la stazione ferroviaria più grande, famosa e visitata del mondo.

Grand Central Terminal, l'ingresso.

Grand Central Terminal, l’ingresso.

E’ un luogo mitico, quasi sospeso nello spazio e nel tempo, come se varcata la soglia d’ingresso si venisse catapultati improvvisamente nella New York dei primi del novecento, magari proprio nel 1913, anno in cui il famoso magnate dell’industria ferroviaria Cornelius Vanderbilt terminò i lavori di ampliamento del vecchio Grand Central Depot, presentando alla High Society di New York e al mondo intero, con l’intento di stupirlo, la nuova, splendida stazione in stile Beaux-Arts, liberamente ispirata al celebre Museo d’Orsay di Parigi.

Che dobbiate o meno prendere un treno, una fermata a Grand Central, a me piace chiamarla così, é più che doverosa.

Arrivando da Park Avenue la si incontra all’incrocio con la 42°, impossibile non riconoscere la scenografica facciata in granito all’ombra del Chrisler Building e degli altri grattacieli che la “incastonano” come un diamante prezioso.

Arrivando da Park Avenue

Grand Central Terminal, l’ingresso.

Una volta entrati, oltre la Vanderbilt Hall, superato il fiume di persone che si muove verso i binari e i ristoranti del piano sottostante, attraversate il grande atrio e trovatevi un posticino sul mezzanino dello scalone alla destra dell’ ufficio informazioni.

Trascurate volutamente l’inopportuna ed “anacronistica” esposizione di prodotti Apple alle vostre spalle e prendetevi un momento per osservare con calma tutto, cercando di ignorare il brusio delle voci e dei passi che riecheggia nell’ambiente.

100 anni di Central Station

100 anni di Grand Central Station

Nella meravigliosa Main Concourse, il grande salone d’ingresso, simile molto più ad una sala da ballo che all’atrio di una stazione, sotto un magnifico cielo azzurro abilmente riprodotto nel soffitto a volta con tanto di costellazioni in oro zecchino, vi sembrerà davvero di vederli.

Gli addii strappalacrime di fidanzati d’altri tempi, i baci rubati prima della partenza, quando prendere un treno voleva dire davvero andare lontano, i saluti commossi ai giovani diretti al fronte, i gruppi di emigranti che, sbarcati a Liberty Island, si dirigevano in cerca di fortuna verso le città della West Coast, gli incontri “fortuiti” quelli capaci di cambiare la vita di due perfetti sconosciuti.

O perchè no, se siete degli appassionati di cinema, le indimenticabili scene, girate proprio qui ed entrate forse anche per questo nella storia della cinematografia mondiale, di film come Intrigo Internazionale, Carlito’s Way, Revolutionary Road, solo per citarne alcuni.

L'orologio della Vanderbilt Hall

L’orologio della Vanderbilt Hall

E’ possibile acquistare con 9 dollari, proprio presso il centro informazioni, un’audioguida per conoscere nei dettagli la storia e gli aneddoti di Grand Central Terminal e, se siete in partenza o pensate di recarvi a New York entro il 2013, partecipare alle numerose celebrazioni per il suo centenario che ricorre proprio quest’anno.

E’ proprio il caso di dirlo.

Grand Central Station, in una stazione un secolo di New York.

2 Comments

  • Manuela

    agosto 3, 2013 at 10:02 am

    Non mi sarei mai aspettata una stazione così! Quando mi dissero: ” Non puoi perderti Grand Central Terminal.. è stupenda! ” io sottovalutai la bellezza del posto. E invece appena varcato l’ingresso, sono rimasta folgorata dal senso di storia e di solennità che è all’interno della “stazione” [chiamarla stazione mi sembra MOLTO riduttivo]. E poi la facciata è splendida!

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti