• Home
  • /
  • Il Sud
  • /
  • Mission San Josè, un pezzo di Spagna a metà strada tra Texas e Messico

Mission San Josè, un pezzo di Spagna a metà strada tra Texas e Messico

Mission San Jose y San Miguel de Aguayo

Prima che il Texas entrasse a far parte degli Stati Uniti d’America, prima ancora che diventasse uno stato autonomo, prima che i Messicani ne rivendicassero i territori, uesta consistente fetta di terra a sud degli States, ad appena un centinaio di chilometri dal Golfo del Messico, dimora fino ad allora incontrastata degli indiani locali, intorno al 1700 venne disseminata dai Conquistadores Spagnoli (affrettatisi una volta arrivati a rivendicare la proprietà dell’intera area) di Missioni Francescane con l’intento, apparentemente altruistico e non sempre onorevole, di convertire gli indigeni in cittadini della Nuova Spagna, cattolici osservanti e naturalmente paganti le tasse.

Fotografando la Mission San Jose', Texas

Nella sola area di San Antonio, in un raggio di 20 chilometri, ne furono costruite numerose tra cui la famigerata Alamo, trasformata poi in forte militare e resa celebre dalle eroiche imprese degli eroi texaniDavid Crockett ed il Generale Trevis.

Lungo il Mission Trail, il percorso che oggi riunisce le costruzioni Francescane sopravvissute, nella zona più remota e bucolica sorge la Mission San Josè y San Miguel de Aguayo, sicuramente la più bella.

Per bellezza, pianificazione e forza, non esiste un presidio che possa paragonarsi a questo.

Così veniva descritta intorno al 1770.

Oggi la Missione é giunta a noi perfettamente conservata, un vero e proprio gioiello coloniale.

Varcato il semplice portone di legno che interrompe le possenti mura di cinta, come in una macchina del tempo, ci si ritrova all’improvviso nel 1700, in un immenso cortile con alberi da frutto, piante e piccoli orti, ai lati gli alloggi degli indigeni, di seguito gli edifici dove veniva loro insegnato, oltre ad un mestiere, il latino e lo spagnolo e le cucine ed altri vani dove le donne imparavano a cucinare, a ricamare e a crescere i figli secondo la “morale cattolica”. Più avanti il vecchio mulino, ancora funzionante, che serviva ad irrigare le numerose coltivazioni.

Tutto convergeva magneticamente verso la spettacolare Chiesa al centro del cortile, che scandiva “a suon di campane” i ritmi della giornata.

La Chiesa, un bellissimo esempio di coloniale spagnolo.

Passeggiando lungo il perimetro della Missione si ha davvero la sensazione di essere piombati in un’altra epoca.

La mia visita, di primissimo mattino, mi ha permesso di girare da sola, indisturbata, accompagnata da uno splendido sole. Con l’aiuto di una buona guida (i Rangers del parco sono a disposizione nel centro visitatori ed é tutto rigorosamente gatuito, incluso l’ingresso) ho inoltre avuto modo di scoprire qualcosa in più, qualche piccolo aneddoto e qualche vecchio racconto trasformatosi col tempo in leggenda.

Nella Mission San Jose

Come la storia della Finestra della Rosa, una piccola, delicata e preziosa finestra posta sul lato sinistro della chiesa della della Missione, famosa tra gli studioso del genere per essere stata annoverata come primo esempio dello stile ornamentale spagnolo negli Stati Uniti.

La Finestra della Rosa

Il suo scultore ed il suo significato rimangono a tutt’oggi un mistero.

La credenza popolare racconta che Pedro Huizar, un falegname spagnolo, abbia scolpito la finestra come simbolo d’amore per la sua Rosa, scomparsa in mare durante la traversata che dalla Spagna l’avrebbe dovuta ricongiungere al suo Pedro nelle nuove terre, quasi si fosse trattato di una dichiarazione d’amore eterno incisa nelle mura della Missione.

Passeggiando nella Missione...

Mission San Jose...

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti