Urbania, piccolo gioiello del Montefeltro

 

La fortuna di vivere letteralmente sul confine tra due splendide regioni, le Marche e la Romagna, abbastanza vicino al mare da assecondare (e placare) le mie origini partenopee, abbastanza vicino alle colline dell’entroterra, che salgono gradualmente verso le prime alture degli Appennini, da soddisfare il desiderio di esplorazione, storia, cultura, tradizioni e di tutto quello che queste accoglienti terre hanno da offrire.

Un sabato pomeriggio libero, una passeggiata nel Montefeltro e la scoperta di un altro piccolo gioiello, Urbania.

Urbania, Palazzo Ducale

Urbania, Palazzo Ducale

A poche decine di chilometri da Urbino, placidamente adagiata sulle acque del fiume Metauro, l’antica Casteldurante, chiamata poi Urbania a partire dal 1600 in onore di Papa Urbano VIII, rivela al visitatore scorci inaspettati e gradite sorprese.

Primo tra tutti lo splendido Palazzo Ducale che domina dal centro storico parte del fiume e della vallata circostante (assolutamente da non perdere la vista dal Torrione Panoramico). Una vera e propria dimora signorile, perfettamente conservata, voluta dal Duca Federico di Montefeltro in persona.

Oggi spoglio purtroppo del suo originale mobilio, eccezion fatta per la preziosa biblioteca, ospita un Museo ed una Pinacoteca con una ricchissima collezione di manoscritti e, una vera manna per un’appassionata del genere come me, antiche carte geografiche, alcuni mappamondi originali del geografo cinquecentesco Gerardo Mercatore, incisioni e preziose maioliche.

I sotterranei invece accolgono l’interessante Museo della Storia dell’Agricoltura e dell’Artigianato.

Urbania, scorcio sul fiume Metauro dal Palazzo Ducale

Urbania, scorcio sul fiume Metauro dal palazzo Ducale

Il Chiostro del palazzo Ducale

Il Chiostro del palazzo Ducale

Proseguendo lungo il Corso Vittorio Emanuele, fuoriusciti dallo splendido Chiostro collegato al palazzo Ducale, si incontra il vecchio Palazzo Comunale in Piazza della Libertà e poco distante il Museo Diocesano che raccoglie un’impressionante selezione di antiche ceramiche urbanesi (dal 1300 circa).

La Torre del palazzo Comunale

La Torre del palazzo Comunale

Non bisogna dimenticare che Urbania ha una storia ricca e variegata per quel che concerne la lavorazione e la decorazione della ceramica, chiamata, in virtù dei due nomi della città, durantina o urbanese.

Passeggiando per il centro é facile imbattersi in numerose botteghe artigiane che espongono in vetrina delle vere e proprie opere d’arte, piatti ornamentali, bassorilievi, servizi completi da tavola, vasi… c’é davvero l’imbarazzo della scelta.

E poi ci sono i negozi d’antiquariato nei quali con un pò di pazienza e fiuto si può davvero scovare qualche piccolo tesoro.

Le "arti" di Urbania, l'antiquariato e la ceramica

Le “arti” di Urbania, l’antiquariato e la ceramica

Fuoriusciti dal Museo Diocesano vale la pena allungarsi verso Piazza Padella per ammirare il vecchio Ponte dei Cocci e poco più avanti la Chiesa, con annesso Convento, di Santa Maria Maddalena.

Quello che secondo me non deve proprio mancare in una visita della città?

La Chiesa dei Morti in via Filippo Ugolini, dove sono conservate 18 straordinarie mummie la cui storia ha dell’incredibile (qui trovate il racconto dettagliato).

L'interno del Cimitero delle Mummie nella Chiesa dei Morti

L’interno del Cimitero delle Mummie nella Chiesa dei Morti

Lo splendido Oratorio del Carmine. Una minuscola cappella, finemente lavorata ed affrescata, risalente al 1400.

Urbania, l'Oratorio del Carmine

Urbania, l’Oratorio del Carmine

L'interno dell'Oratorio del Carmine

L’interno dell’Oratorio del Carmine

Un’esperienza culinaria in pieno stile marchigiano in uno dei tanti ristorantini tipici all’interno del centro storico.

Alla ricerca di ristorantini tipici nel centro storico

Alla ricerca di ristorantini tipici nel centro storico

Il mio preferito? L’Osteria da Doddo, nota anche come la Trattoria del Buongustaio.

E se tutto questo non fosse abbastanza, poco fuori le mura di Urbania, a pochi minuti di macchina é possibile visitare il Barco, il luogo designato per la caccia (il casino) dai Duchi di Urbino. Una grande villa in stile vanvitelliano con un immenso parco.

Il Barco, il casino di caccia dei Duchi di urbino

Il Barco, il casino di caccia dei Duchi di urbino

 

Una curiosità.

Lo sapevate che ad Urbania ogni anno nei giorni attorno al 6 gennaio si celebra la Festa Nazionale della Befana?

La città si veste a festa con un’infinità di giochi, spettacoli, danze e naturalmente la Casa della Befana dove é possibile incontrare una miriade di arzille befane pronte a ricoprire grandi e piccini di dolci, regali e naturalmente carbone.

 

2 Comments

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti