• Home
  • /
  • Emozioni
  • /
  • Brooklyn Bridge, il ponte più bello del mondo

Brooklyn Bridge, il ponte più bello del mondo

The Brooklyn Bridge, in fondo, subito dopo il più moderno Manhattan Bridge

The Brooklyn Bridge, in fondo, subito dopo il più moderno Manhattan Bridge

Sarà perchè la mia prima volta a New York é cominciata proprio da qui, sara perchè regala alla città quel profilo inconfondibile che la rende unica, sarà per il suo fascino retrò, del resto proprio quest’anno ha compiuto 130 anni, sarà che attraversarlo a piedi al tramonto ammirando il sole che calando si perde, attraverso gli intrecci dei suoi cavi, nei grattacieli di Manhattan, regalando incredibili effetti di luce, é uno degli spettacoli più belli ai quali abbia mai assistito.

Benvenuti sul Brooklyn Bridge

Benvenuti sul Brooklyn Bridge

Il Brooklyn Bridge per me, come credo per la stragrande maggioranza dei newyorkesi, é il ponte più bello del mondo!

Brooklyn Bridge, in lontananza la Freedom Tower

Brooklyn Bridge, in lontananza la Freedom Tower

Arrivando con un volo interno al La Guardia airport é facile avvistarlo, un enorme braccio d’acciaio che collega Lower Manhattan con Brooklyn, impreziosito da grossi blocchi di granito lavorato dai quali partono, come in un gioco d’equilibrio, i cavi ed i tiranti che ne consentono la staticità.

Un vero e proprio capolavoro ingegneristico, progettato dall’ingegnere  J.A. Roebling, che nel 1883, appena terminato, divenne il più grande ponte sospeso al mondo in acciaio. Sembra che l’idea di creare un collegamento tra le due sponde sia venuta in seguito ad una disavventura capitata a Roebling proprio lungo l’east river, quando in pieno inverno rimase per ore bloccato dal ghiaccio su un traghetto che lo conduceva verso Park Slope.

Manhattan vista dalla Brooklyn Promenade

Manhattan vista dalla Brooklyn Promenade

Quando sono a New York, mi concedo sempre una rilassante giornata nel cuore di Brooklyn, adoro passeggiare nei viali alberati di Park Slope tra le vecchie case vittoriane e spingermi fino alla promenade. Rientrando verso Manhattan seguo sempre lo stesso percorso, come ipnotizzata attraverso Old Fulton Street e se é aperto mi fermo a volentieri a mangiare un delizioso gelato alla Brooklyn Ice Cream Factory, proprio a ridosso del ponte.

Poi lentamente mi incammino verso le scale del passaggio pedonale del Brooklyn Bridge.

La Brooklyn Ice Cream Factory, proprio sotto il ponte

La Brooklyn Ice Cream Factory, proprio sotto il ponte

Lingresso al ponte dalla parte di Brooklyn

Lingresso al ponte dalla parte di Brooklyn

Facendo sempre attenzione a tenermi sulla sinistra, per chi proviene da Manhattan é la destra, considerato che a destra i ciclisti sfrecciano senza la minima attenzione per i pedoni, mi godo la mia passeggiata “sospesa” sull’east river.

Sul Ponte di Brooklyn

Sul Ponte di Brooklyn

Attenzione ai ciclisti sul Brooklyn Bridge

Attenzione ai ciclisti sul Brooklyn Bridge

Osservo, scopro nuovi scorci, sorrido alla vista di gruppi di turisti che a bocca aperta si guardano intorno, nei loro visi stupiti ed esterrefatti mi sembra quasi di rivivere l’eccitazione della mia prima volta qui.

Mi fermo a scattare qualche nuova foto, mi sembra di non averne mai abbastanza, davanti a me la Freedom Tower ormai terminata spicca dal groviglio di grattacieli di Lower Manhattan, sotto a sinistra i moli turistici, riesco persino a vedere il famoso Pier 17.

Alla mia destra il più moderno, si fa per dire, Manhattan Bridge, risalentel 1912, più lontano incorniciato dagli incastri dei cavi del ponte scorgo l’Empire State Building che domina da tempo immemorabile ormai la parte alta della città.

In lontananza, l'Empire State Building

In lontananza, l’Empire State Building

Sotto di me i battelli carichi di turisti, quelli che fanno il giro dell’isola di Manhattan, passano lenti assieme a qualche chiatta che trasporta materiali da costruzione verso qualche nuovo cantiere della città, sopra di me di tanto in tanto passano silenziosi gli aerei che dai tre areoporti della zona collegano New York con il mondo.

Lady Liberty vista al tramonto dal Brooklyn Bridge

Lady Liberty vista al tramonto dal Brooklyn Bridge

La Beekman Tower mi annuncia che ormai sono a Manhattan, destreggiandomi tra le bancarelle di suvenir per turisti che affollano la parte finale del ponte, mi defilo verso la metro di Chambers St.

Enjoy Brooklyn Bridge

Enjoy Brooklyn Bridge

3 Comments

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti