Savannah, impressioni e consigli per la visita

Te ne accorgi dall’accento, più stretto e marcato e dalla difficoltà nell’intavolare una discussione.

Dal clima decisamente più caldo ed umido, specie sulla costa, dal cibo che diventa meno speziato ma più cremoso, difficile trovare da queste parti pesce o carne che non siano avvolti da qualche salsa o condimento speciale.

Dall’atteggiamento e dall’accoglienza – decisamente friendly –  delle persone e dai ritmi della giornata, meno frenetici e decisamente più rilassati.

Il molo sul Savannah River

I segnali, dopo un lungo viaggio dal Tennessee sono inequivocabili… é la Georgia, di nuovo.

Questa volta però non nella sua fertile pianura come era capitato lo scorso anno ad Atlanta ma nella sua costa frastagliata, tra fiumi, insenature ed isolotti, più precisamente nell’incantevole Savannah!

Immaginate un intero centro storico suddiviso in piazze, completamente ricoperte di verde ed adornate da querce secolari, strade acciottolate ed antiche dimore antebellum, alcune tra le più belle e preziose di tutti gli Stati Uniti d’America.

Immaginate una storia vecchia più di duecento anni che rivive ogni giorno nelle facciate degli edifici, nei racconti delle guide che accolgono i visitatori al loro interno, nell’atmosfera decisamente d’altri tempi.

Avete presente Via col Vento, Rossella, Melania e la petulante zia Pittipat che guarda caso era proprio di Savannah?!

Owens Thomas House i Giardini "segreti" di Savannah...

Se non fosse per le auto che girano nel centro storico, si potrebbe tranquillamente pensare di essere finiti in pieno ‘800.

Magari poco prima della sanguinosa Guerra di Secessione, tra le sontuose dimore dei nobili e dei commercianti di cotone, i miseri alloggi degli schiavi neri, il vecchio Colonial Park Cemetery in cui riposano gli eroi della Georgia, le carrozze con i cavalli, lo scalpitio cadenzato degli zoccoli che risuona nelle strade ed i magazzini di cotone, rigorosamente in mattoni rossi, sul porto fluviale.

Mercer William HouseColonial Park CemeterySavannah life style...

Se dovessi elencare tra i miei consigli per la visita a Savannah un itinerario da seguire nel labirinto di edifici storici e monumenti della città, direi che i luoghi storici e le dimore che proprio non possono mancare all’appello sono molteplici.

The Owen Thomas House

Una spettacolare villa in stile Regency, famosa per aver avuto ben 20 anni prima della Casa Bianca di Washington l’acqua corrente e per l’Haint Blue (letteralmente blu fantasma), il colore pastello utilizzato per il soffitto degli alloggi degli schiavi per scacciare gli spiriti maligni, ricavato secondo antiche tradizioni africane da una miscela di indaco e gusci di conchiglie e per lo splendido giardino all’inglese.

The Mercer Williams House

L’affascinante casa di Jim Williams, mercante d’arte di Savannah divenuto celebre col film “Mezzanotte nel giardino del bene e del male”.

The Andrew Low House

La mia preferita, una villa in stile Tidewater i cui interni, tutti rigorosamente originali, offrono uno spaccato realistico di quella che doveva essere la vita a Savannah nella metà dell’800.

The Davenport House Museum

Un edificio in stile Federal, appartenuto ad un commerciante della media borghesia, decisamente più semplice negli arredi ma perfettamente preservato. Non solo le stanze di rappresentanza del pian terreno ma anche le camere private della famiglia, tutte rigorosamente originali, con tanto di arredi, oggetti personali, abiti e dipinti. Si ha quasi la sensazione che al di là della porta d’ingresso il tempo si fermato nella Savannah di 200 anni fa.

The Colonial Park Cemetery

Nel bel mezzo del centro storico, un’oasi di pace e quiete tra antiche tombe di personaggi più o meno illustri dove, raccontano le zelanti guide, la notte é facile incontrare fantasmi (organizzano per gli interessati apposite visite notturne, i Ghosts Tour), spiriti o quant’altro.

I giardini "pubblici" di Savannah

Per le antiche vie acciottolate di Savannah...

The River Street

La passeggiata lungo la River Street sul Savannah River dove gli antichi magazzini per lo stoccaggio del cotone sono stati trasformati in ristorantini tipici, negozi (qui si producono le migliori nocciole caramellate del sud) e pub alla moda.

The Old Pink House

Imperdibile la cena all’Old Pink House dimora storica del 1770, annoverata come National Landmark, che offre piatti della tradizione del sud misti al fascino e all’eleganza di una struttura decisamente d’epoca.

Considerata la fama dei cuochi e l’importanza del sito conviene sempre prenotare con almeno un giorno d’anticipo.

I prezzi sono medio-alti ma l’esperienza culinaria e non solo merita uno “strappo” al budget.

2 Comments

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti