• Home
  • /
  • Il Sud
  • /
  • La vecchia New Orleans ed i fantasmi del Dauphine Orleans Hotel

La vecchia New Orleans ed i fantasmi del Dauphine Orleans Hotel

Conoscere un luogo significa anche conoscerne le storie.

Scoprire i retroscena, ascoltare i racconti della gente del posto e ridare parola e talvolta un volto alle voci ed ai personaggi del passato, quasi sempre uomini e donne comuni, le cui azioni hanno in qualche modo influito sull’evoluzione dell’ambiente circostante.

New Orleans

Benvenuti a New Orleans

Una grande ricchezza spesso sottovalutata dai visitatori, troppo presi dalla frenesia di fotografare e visitare più luoghi senza soffermarsi troppo sul particolare.

Provate ad immaginare le storie e gli eventi che può racchiudere una città vissuta, multiculturale e variegata come la “vecchia” New Orleans. Qui ogni singolo edificio, ogni locale, ogni luogo sacro o angolo di strada ne racconta (per il solo fatto di essere lì praticamente da sempre) un piccolo, affascinante e talvolta misterioso frammento.

Come nel caso del Dauphine Orleans Hotel, un’elegante struttura d’epoca che si trova nel bel mezzo del French Quarter. Non solo uno degli hotel di charme più caratteristici della zona ma anche uno dei più antichi. Un complesso di edifici storici, incluso un vecchio cottage, che si sviluppano lungo l’elegante Dauphine Street, a poche decine di metri da Bourbon Street.

The Dauphine Orleans Hotel

The Dauphine Orleans Hotel

Marc Becker, direttore del New Orleans Hotel Collection, mi accoglie da vero signore d’altri tempi nel May Baily’s Place (il cottage cui accennavo prima, oggi bar del Dauphine) per raccontarmi, consapevole del mio interesse in merito, dell’affascinante storia di questo luogo e di alcune singolari, chiamiamole così, presenze ed apparizioni ad esso collegate.

Il May baily's Place

Il May Baily’s Place

Sembra che intorno al 1830 la zona di Basin Street, immediatamente a nord del French Quarter, fosse l’area (soprannominata The Scarlet Thread) designata ai bordelli ed al divertimento più sfrenato, alcol a fiumi, donne compiacenti, cantanti jazz, musicisti ed uomini facoltosi disposti a spendere fino a 50 dollari a notte (una cifra considerevole per l’epoca) per la compagnia delle prostitute più richieste.

The Dauphine Orleans Hotel

Marc Becker intento araccontarmi le preziose storie del Dauphine Orleans Hotel di New Orleans

Nel giro di pochi anni, intorno al 1850 circa, il Red-light District (il quartiere a luci rosse di Basin St.) si estese sorprendentemente fino ad alcune delle strade più famose e blasonate del French Quarter, Conti, Bourbon, Royal, Toulouse, St. Charles e Douphine street.

I bordelli ed il loro carico di aberranti attività correlate erano praticamente ovunque, la prostituzione era divenuta a tutti gli effetti uno degli affari più redditizi di questa zona della città, raggiungendo un tale livello di corruzione da rendere necessaria la creazione da parte del New Orleans City Council di una sorta di trattato legale in cui si designavano le aree autorizzate a questo tipo di attività, le licenze necessarie per la gestione e le relative tariffe. L’intera area venne soprannominata poi Storyville District dal nome di Sidney Story, il presidente del City Council che si occupò di regolarizzare questa “attività” che difatto perdurò fino al 1917.

Il French Quarter

Il French Quarter

Il Dauphine Orleans Hotel fu nel periodo clou dello Storyville District un attivissimo bordello gestito, con tanto di licenza affissa ancora oggi alle pareti del bar, da una scaltra ragazza di origini irlandesi, May Baily.

May Baily's Place

Foto del May Baily’s Place ai tempi del bordello

Si stabilì nell’area del vecchio cottage e nell’edificio adiacente (che oggi corrispondono al bar ed alla struttura principale dell’hotel) dopo essere arrivata dall’Irlanda assieme alla sua famiglia intorno al 1850 circa. I suoi genitori morirono improvvisamente lasciando lei e la sorella Milly in gravi ristrettezze.

A quanto pare l’intraprendente May decise di aprire una casa di piacere costringendo la giovane sorella a partecipare alla sua nuova attività. La storia racconta che Milly disgustata da quel lavoro, innamoratasi di un giovane ufficiale abbia tentato di cambiare vita. Sembra però che a pochi giorni dalle nozze il suo fidanzato si sia suicidato a causa di un pesante debito di gioco, lasciandola nuovamente sola in balia della sorella.

May Baily's Place

L’originale licenza del New Orleans City Council per il bordello del May Baily’s Place

All'interno del May Baily's Place del Dauphine Orleans

All’interno del May Baily’s Place del Dauphine Orleans Hotel

Riflessi, May baily's Place

Riflessi, May Baily’s Place

Seduti ad un tavolino del May Baily’s Place, circondati dalle foto d’epoca di alcune prostitute del locale ai tempi di May e dello Storyville District, Marc mi racconta ancora di Milly, di come sia poi impazzita e morta prematuramente e del fatto che siano in molti tra personale ed ospiti dell’hotel ad averla vista nel corso degli anni aggirarsi fugacemente in abito da sposa, con un lungo velo bianco sulla testa, da qui il soprannome The Lost Bride, come in cerca di qualcosa o di qualcuno, probabilmente il suo amore perduto. Sembra annunci la sua presenza con una ventata d’aria gelida e scruti dalle finestre le persone all’interno del bar o del patio dell’hotel nel tentativo di riconoscervi il suo fidanzato.

Il patio con piscina del Dauphine Orleans Hotel

Il patio con piscina del Dauphine Orleans Hotel

Marc aggiunge poi, con una certa tranquillità (si insomma i fatti ed i racconti soprannaturali a New Orleans sono quasi all’ordine del giorno), che nel corso del tempo ci sono state altre differenti segnalazioni, tre personaggi, appartenenti probabilmente ad epoche diverse che compaiono spesso nelle camere sopra il patio, nella zona della piscina e negli appartamenti di fronte, proprio nel luogo in cui ho dormito durante il mio soggiorno in città.

Il giardino degli appartamenti del Dauphine Orleans Hotel

Il giardino degli appartamenti del Dauphine Orleans Hotel

Si tratta, a detta di chi li ha incontrati, di un soldato della Guerra Civile, di nome Eldrige, di una giovane donna in abiti da ballerina che danza sulle finestre del patio, il suo nome dovrebbe essere Jewel, e di un uomo di colore sulla sessantina, Melvill, probabilmente un inservente del bordello.

A quanto pare si tratta di presenze tranquille, ed affezionate quasi.

Appaiono, sussurrano parole, spostano oggetti e scompaiono velocemente. Che siano reali o frutto di suggestione, fanno ormai parte della storia e della vita del Dauphine Orleans ed è impossibile non sentirne parlare almeno in un accenno nei discorsi del personale.

Dauphine Orleans Hotel, la mia camera

Dauphine Orleans Hotel, la mia camera

Posso confermare, avendo soggiornato qui per più notti, che l’intera struttura dal cottage, al patio, alle eleganti camere da letto é davvero molto suggestiva, si avverte il passato, si percepisce l’alone di mistero e la sensazione, per nulla inquietante, di non essere mai soli.

E’ come vivere la città due volte, addentrarsi non solo nei suoi siti storici ma anche nei suoi segreti e sentirsi quasi in connessione con il suo accattivante passato.

The Dauphine Orleans Hotel

Il Dauphine Orleans Hotel ed il May Bailey’s Place

Se avete in mente di visitare la città e di soggiornare in luogo speciale, o se se siete semplicemente curiosi di conoscere altre vecchie storie magari seduti al bancone del May Baily’s Place, sperando di “incontrare” Milly, allora il Dauphine Orleans é il posto giusto per voi.

6 Comments

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti