• Home
  • /
  • Stati Uniti
  • /
  • Procedure d’ingresso negli Stati Uniti: un importante aggiornamento ESTA e la novità dell’APC, l’Automated Passport Control

Procedure d’ingresso negli Stati Uniti: un importante aggiornamento ESTA e la novità dell’APC, l’Automated Passport Control

I requisiti, i documenti e le procedure necessarie per l’ingresso negli Stati Uniti d’America rientrano nell’oggetto delle domande più frequenti che mi vengono rivolte quando ci si accinge ad organizzare (specialmente se si tratta della prima volta) un viaggio negli USA.

In viaggio negli USA

In viaggio negli USA

Avevo già inserito tutte le informazioni ed i consigli, frutto della mia personale esperienza, in un lungo e dettagliato post specifico (a cui si può accedere cliccando qui). Una sorta di vademecum in cui trovare delucidazioni sulle norme, i documenti, l’assicurazione, il noleggio auto, la prenotazione di alloggi, ecc..

In base alle nuove disposizioni di ingresso negli Stati Uniti segnalo un importante aggiornamento per quel che riguarda l’utilizzo dell’ESTA -Electronic System for Travel Authorization ed un’interessante novità quella dell’APC, ovvero l’Automated Passport Control già attivo in numerosi aeroporti americani.

Ingresso negli Stati Uniti, atterrando a New York

Ingresso negli Stati Uniti, atterrando a New York

Andiamo per ordine:

ESTA e passaporto.

A partire dal 1 aprile 2016, sarà possibile registrarsi con ESTA solo ed esclusivamente con il passaporto elettronico con microchip elettronico inserito nella copertina, l’unico tipo di passaporto rilasciato in Italia dal 26 ottobre 2006.

Secondo quanto afferma Visit USA Italy, la più importante associazione italiana per la promozione e lo sviluppo del turismo italiano verso gli Stati Uniti.. “Coloro i quali intendano recarsi negli Stati Uniti usufruendo del Visa Waiver Program, che consente di viaggiare senza il visto, dovranno richiedere l’autorizzazione ESTA -Electronic System for Travel Authorization prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti, utilizzando il passaporto elettronico con microchip elettronico inserito nella copertina, unico tipo di passaporto rilasciato in Italia dal 26 ottobre 2006.“

Questo signifia che oltre il 31 marzo 2016 tutti i passaporti con le seguenti caratteristiche non saranno più validi per l’ingresso negli Stati Uniti con ESTA.

  • a lettura ottica rilasciato prima del 26 ottobre 2005
  • con foto digitale rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006

 

Aggiornamento gennaio 2016:

Ulteriore novità sull’‪‎ESTA‬ per i cittadini dei Paesi aderenti al ‪‎Visa Waver Program che dal 1° marzo 2011 sono stati in Siria, Sudan, Iraq e Irandevono chiedere un visto. Lo stesso devono fare coloro che hanno una doppia nazionalità siriana, irachena, iraniana o sudanese.

Maggiori e più dettagliate informazioni le trovate qui.

Documenti viaggio USA

ESTA, passaporto e patente internazionale.. benvenuti negli USA!

 

APC, l’Automated Passport Control.

Si tratta di una procedura introdotta nel 2014 dallo U.S. Customs and Border Protection (CBP)  per accelerare e snellire le lunghe procedure d’ingresso negli Stati Uniti.
In pratica é possibile effettuare i controlli di immigrazione mediante un chiosco automatico che scansiona i documenti, fa foto, prende impronte digitali e poi stampa una ricevuta da presentare ad un CBP officer in uscita.

APC, la ricevuta finale

APC, la ricevuta finale da consegnare al CBP officer per il mio ingresso negli Stati Uniti

Possono usufruire del servizio i cittadini americani, quelli canadesi e tutti i visitatori internazionali appartenenti a paesi che abbiano aderito al Wisa Waiver Program, che siano quindi in possesso di ESTA e, cosa fondamentale, che siano già entrati una volta negli USA a partire dal 2008.

I passeggeri italiani in possesso dei sopracitati requisiti possono procedere, negli aeroporti in cui il servizio é già attivo, direttamente ai chioschi APC (é tra l’altro possibile selezionare anche la lingua italiana per effettuare la procedura) nella zona controllo passaporti.

Ai viaggiatori viene richiesto di eseguire la scansione del passaporto, farsi scattare una foto, lasciare le impronte e rispondere a una serie di domande che verificano le informazioni biografiche e di volo. Nel caso in cui si viaggi con il nucleo familiare é concesso di esplicare la pratica assieme al medesimo chiosco.

Una volta terminata la procedura viene rilasciata una ricevuta che i viaggiatori devono consegnare, accompagnata sempre dal passaporto, ad un CBP officer all’uscita per finalizzare il controllo e favorire così l’ingresso negli Stati Uniti.

L’APC è un servizio gratuito, non richiede pre-registrazione e garantisce alti livelli di protezione per quanto riguarda il trattamento dei dati e delle informazioni personali.

Ho avuto modo di testare personalmente l’APC al Logan International Airport di Boston.

L’intera operazione richiede un massimo di 5 minuti, é semplice e di facile comprensione ed i tempi d’attesa sono letteralmente dimezzati.

Ingresso negli Stati Uniti, benvenuti a Boston

Ingresso negli Stati Uniti, benvenuti a Boston

Di seguito la lista degli aeroporti che ad oggi (novembre 2015) hanno adottato l’Automated Passport Control.

Hartsfield-Jackson Atlanta International Airport (ATL)
Boston Logan International Airport (BOS)
Charlotte Douglas International Airport (CLT)
Chicago Midway International Airport (MDW)
Chicago O’Hare International Airport (ORD)
Dallas/Fort Worth International Airport (DFW)
Denver International Airport (DEN)
Detroit Metropolitan Wayne County Airport (DTW)
Fort Lauderdale-Hollywood International Airport (FLL)
Houston George Bush Intercontinental Airport (IAH)
Las Vegas McCarran International Airport (LAS)
Los Angeles International Airport (LAX)
Miami International Airport (MIA)
Minneapolis-Saint Paul International Airport (MSP)
New York – John F. Kennedy International Airport (JFK)
Newark Liberty International Airport (EWR)
Orlando International Airport (MCO)
Philadelphia International Airport (PHL)
Phoenix Sky Harbor International Airport (PHX)
Portland International Airport (PDX)
Reno International Airport (RNO)
Salt Lake City International Airport (SLC)
San Diego International Airport (SAN)
San Francisco International Airport (SFO)
Seattle Sea-Tac Airport (SEA)
Tampa International Airport (TPA)
Washington Dulles International Airport (IAD)


 	

8 Comments

  • imma

    aprile 29, 2016 at 5:47 pm

    Ciao Simona io vado a newyork x la prima ,volta grazie a te che mi hai fatto conoscere Silvia ,mi interessa questa cosa del controllo con APC, non sapendo bene la lingua tu mi dici che c’è a in lingua italiano, io arrivo all’ereoporto Kennedy sai se c’è ancora lì e se non è complicato grazie dei tuoi consigli a presto.?

    Rispondi
  • Vincenzo

    ottobre 19, 2016 at 12:53 pm

    Ciao Simona,ho letto che in merito all APC,nella domanda di Imma,hai risposto che l’APC si puo’ fare solo se sei già entrato negli USA con ESTA.Cio’ significa che se si entra per la prima volta non si puo’ usufruire?Io sono in possesso gia’ dell’approvazione Esta ma non sono mai stato negli Usa.Vado per la prima volta.grazie ciao Vincenzo

    Rispondi
  • elena

    maggio 15, 2017 at 3:12 pm

    Ciao,
    mi confermi quindi che posso usare l’APC se sono già stata negli stati uniti, anche con un NUOVO esta dato che lo scorso è scaduto poiche sono passati due anni?

    Rispondi
  • Ivano

    giugno 4, 2017 at 8:37 pm

    Ciao Simona,
    Ci sono recenti aggiornamenti sulla possibilità di utilizzare l’APC se in possesso di ESTA ma ci si reca per la prima volta negli USA? Sul sito ufficiale non vi è più menzione del fatto che bisognava essere atti negli USA almeno una volta dopo il 2008.

    Rispondi
    • Simona Sacri

      giugno 5, 2017 at 7:52 am

      Ciao Ivano, al momento dovrebbe essere ancora così, anche se quando sono entrata in USA l’ultima volta – 20 gg fa – a Denver ho notato che per sveltire i controlli facevano usare APC a tutti.
      Ho inviato mail per saperne di più, aspetto risposta.

      Rispondi

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti