Incontri

 

Non mi sono mai resa realmente conto, almeno non fino in fondo, di quanto in viaggio gli incontri – fortuiti, improvvisi, cercati, capitati – mi abbiano, quasi sempre nel bene per fortuna, offerto una svolta decisiva alla conoscenza dei luoghi.

Consentendomi attraverso le parole, la gentilezza nell’indicarmi un percorso, i gesti, i sorrisi, i racconti di chi avevo davanti, di addentrarmi ancora di più nelle realtà locali, offrendomi una sorta di finestra privilegiata sulla vita di tutti i giorni.

Con una tessitrice del lago Atitlan

Cose che non trovi in una buona guida o nei forum dei viaggiatori più esperti, esperienze vive, vissute sulla pelle così intensamente da renderne difficile, anche per una come me, il racconto attraverso le parole.

Sono quelle emozioni talmente forti e inaspettate che inizialmente fai fatica a comprendere del tutto, lì per lì le vivi quasi inconsapevolmente, ci vuole del tempo affinché assimiliate ed unite ai ricordi assumano i loro reali contorni.

Ecco, quello è il momento in cui si rivelano in tutta la loro potenza e ti fanno sentire immensamente bene, appagata da un’inusuale e quasi egoistica soddisfazione al punto di arrivare a pensare… sono stato lì, l’ho vissuto davvero, adesso fa parte di me, del mio preziosissimo bagaglio.

Quando, in uno sperduto villaggio sul lago Atitlan, in Guatemala, l’incontro casuale con delle giovani tessitrici mi ha spinta a scoprire il loro piccolo, faticoso ma dignitoso mondo, fatto di lunghe ore sedute a tessere e a confezionare piccoli capolavori, scialli, gonne, abiti tipici, che poi divertite mi hanno anche permesso di indossare, come loro modella d’eccezione, incuriosite anch’esse da questa strana ragazza, venuta da lontano, desiderosa di sapere di più della loro vita e delle loro abitudini.

vestita come una guatemalteca
O sulle colline di Cusco, in Perù, dove una donna del luogo in compagnia della sua bambina e dei suoi animali, per ricambiare il “dono” di una penna e di alcune matite, oggetti preziosissimi per loro, mi ha raccontato, con pazienza e “dedizione” considerando le mie difficoltà con lo spagnolo, delle leggende che da sempre si tramandano di generazione in generazione sulla Valle Sacra degli Inca.

Peru'

Peru’

Quando Tatiana, una gentile guida Moscovita, contattata poco prima di partire per visitare i dintorni della città, divenuta presto un’amica, mi ha raccontato la storia della sua famiglia, facendomi ripercorrere in pochi minuti gli ultimi 100 anni della storia del suo paese attraverso le guerra, la rivoluzione, la dittatura, la ritrovata libertà, rivelandomi l’esistenza di luoghi in precedenza solo immaginati.

La mia amica e guida Tatiana...
O quando ad una fermata d’autobus, sull’isola di Maui alle Hawaii, per raggiungere la cittadina costiera di Lahaina, alcuni turisti americani, giapponesi e messicani, venuti a conoscenza del mio paese di provenienza, hanno intavolato una piacevole e simpatica discussione, degna di un incontro “senza frontiere”, sulle meraviglie artistiche e paesaggistiche dell’Italia, confrontandole con quelle dei loro stati, sul cibo e sulla moda, rendendomi orgogliosa, divertita e sorpresa al tempo stesso.

Chiacchiere alla fermata dell'autobus, alle Hawaii...

E come dimenticare Andrea, un italiano appassionato di storia americana trasferitosi negli Stati Uniti una ventina di anni fa, incontrato per caso in una caffetteria a Washington.

Mi ha “regalato” un emozionante e commovente tour in notturna attraverso i numerosi memoriali americani del Mall, raccontandomi aneddoti ed episodi legati alla storia di questo incredibile paese.

Washington, Jefferson memorial... in notturna!!!
Incontri indelebili, impressionante che nel citarne alcuni me ne vengano alla mente altri ancora, tanti, diversi, ognuno con il suo carico emotivo, capaci in un calda domenica di fine luglio, oberata dal lavoro, di restituirmi il sorriso e di “resistere” fino alla prossima, attesissima, partenza.

One Comment

  • manuelavitulli

    dicembre 17, 2013 at 11:43 pm

    Simo non potevo non commentare.
    Un articolo sentito, talmente sentito che lo sento anche io!
    Posti diversi, ma stesse sensazioni.
    Quando t’imbatti in qualcosa che all’inizio fai senza nemmeno pensare, poi ti rende confusa e alla fine ti arricchisce.
    L’ho provato in Egitto e poi in Thailandia.
    Entrare in un tempio indù, senza nemmeno un turista, ed essere impacciata durante la cerimonia. I rumori, il turbine di colori, la gioia, l’ansia “da prestazione” durante i vari riti… Tutto è ancora tangibile e grazie al tuo post riaffiora alla mente 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti