Il Tango a Buenos Aires

Il tango?

Un pensiero triste che si balla, nato a Buenos Aires verso la fine dell’800 nel barrio della Boca.

Nato dalla nostalgia degli immigrati per la loro terra e per le loro famiglie, dal distacco, dalla solitudine.

E’ il lamento in musica, l’espressione di un dolore interno che attraverso la danza diventa non solo visibile ma addirittura percepibile, nei movimenti dei ballerini, nelle espressioni dei loro dei volti, nel linguaggio dei loro sguardi.

Vecchi

Le musiche del Bandoneon, la piccola fisarmonica usata proprio per il tango, sono il frutto delle influenze delle vecchie melodie spagnole, italiane e polacche, lmentre le parole del Lunfardo, l’autore dei testi, sono l’espressione di sentimenti che spaziano dall’amore, all’amicizia, alla passione, al tradimento.

Nel tango argentino c’è tutta la storia di un popolo, che soffre, che lotta, che ama, che vive.

Tangueri...

A Buenos Aires il tango e' ovunque...

 

Il Tango non è una danza ma una ossessione.

Per il tanguero è una parte della vita come mangiare e dormire.

Erotica e appassionata, inquietante e malinconica, che coinvolge non solo il corpo ma anche l’anima.

(Carlos Gavito)

2 Comments

Lascia un commento

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Ricevi i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio la tua vacanza negli USA (e nel mondo) e scoprire posti unici e suggestivi, quelli, per intenderci, che non sempre trovi in una semplice guida di viaggio.

Iscriviti ora alla newsletter!

Grazie! Controlla subito la tua email!

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Ricevi i miei consigli di viaggio, iscriviti ora alla newsletter.

Tranquillo, anche io odio lo spam!

Grazie! Controlla subito la tua email!

error: Contenuto protetto! Non puoi copiare i contenuti